iPad: Caratteristiche dell’hardware e benchmark

Dopo le prime immagini dell’FCC che ritraevano l’hardware di un esemplare di preserie, arrivano maggiori dettagli da iFixit che ha smontato un iPad regolarmente acquistato.In questa foto è possibile notare il SoC (Systen on a Chip) Apple A4, i due chip della memoria flash prodotti da Samsung e sulla sinistra il Broadcom BCM5973 dedicato alla


Dopo le prime immagini dell’FCC che ritraevano l’hardware di un esemplare di preserie, arrivano maggiori dettagli da iFixit che ha smontato un iPad regolarmente acquistato.

In questa foto è possibile notare il SoC (Systen on a Chip) Apple A4, i due chip della memoria flash prodotti da Samsung e sulla sinistra il Broadcom BCM5973 dedicato alla gestione dell’I/O.

Clamorose le scoperte relative all’Apple A4, il processore sarebbe un semplice ARM Cortex A8 single core, lo stesso utilizzato sull’iPhone 3GS, e non un Cortex A9 dual core, come si è spesso ipotizzato, mentre la frequenza di funzionamento non è rilevabile perché l’apposita system call riporta come valore di clock un laconico zero.

Anche la RAM non è così grande come si potrebbe immaginare, con poche righe di codice è possibile ricavare la memoria massima disponibile per le applicazioni, inferiore a 200 MB, quindi la memoria fisica totale dovrebbe essere di soli 256 MB.

Nonostante l’hardware sia piuttosto ridimensionato rispetto alle attese, le performance sono di prim’ordine come dimostrano i benchmark di Craig Hockenberry.

Rispetto ad un iPhone 3GS le prestazioni possono essere fino a 4 volte superiori, mentre il confronto con un iPhone di prima generazione è impietoso, in soli due anni e mezzo le prestazioni sono esplose arrivando a tempi di elaborazione centinaia o addirittura migliaia di volte inferiori, soprattutto per quanto riguarda il calcolo delle funzioni matematiche indispensabili per la grafica 3D. Anche il motore javascript, fondamentale per le applicazioni Web 2.0, dimezza i tempi di elaborazione rispetto all’iPhone 3Gs.

In ogni caso questo sapiente mix tecnologico, hardware consolidato e software ottimizzato, riesce a conciliare ottime performance con un’elevata autonomia.

Ti potrebbe interessare