Logo Blogo

Tutti gli articoli con tag openfeint

De-anonimizzare gli UDID Apple con OpenFeint: nuova polemica all'orizzonte

pubblicato da Claudia

UDID

Nuovo possibile “scandalo” in arrivo: è possibile forzare l’anonimato degli UDID Apple tramite OpenFaint. Come saprete i dispositivi iPhone, iPad e iPod touch hanno un Unique Device Identifier (UDID) associato, una sorta di numero seriale segnato all’interno del terminale che non può essere modificato o rimosso. Il numero viene mostrato agli sviluppatori di app tramite un’API, senza che il proprietario lo sappia o permetta il procedimento.

Alcuni utenti Apple si sono resi conto del problema accorgendosi che i propri UDID erano stati utilizzati più volte senza permesso. Una ricerca svela che il 68% delle applicazioni invia senza preavviso gli UDID su server. Agli UDID si accompagnano spesso informazioni su come, quando e dove il telefono venga utilizzato. La maggior parte del traffico contenente queste informazioni va ad Apple stessa, seguita da Flurry (network di analisi sul mercato mobile) e OpenFeint, una compagnia che offre esperienze di gioco mobile social. Flurry e OpenFeint risultano essere due “ultra-aggregatori” di UDID e informazioni degli utenti, poichè moltissime applicazioni usano le loro API.

Oltre alle due compagnie vi sono centinaia di siti di sviluppatori indipendenti, server e altri nomi minori nel campo delle ricerche. Al momento gli utenti non hanno modo di bloccare questo flusso di informazioni o di sapere esattamente a chi vengano inviati i dati. Questa situazione, insieme a quella del tracciamento delle coordinate geografiche, ha scatenato diverse polemiche seguite anche dal Wall Street Journal, a cui si aggiungono due denunce ad Apple.

Continua a leggere: De-anonimizzare gli UDID Apple con OpenFeint: nuova polemica all'orizzonte

....
condividi 0 Commenti

OpenFeint annuncia PlayTime e sfida Game Center

pubblicato da Giacomo "aW" Martiradonna


Mentre Firemint annuncia di voler integrare Game Center in tutte le proprie applicazioni comprese quelle che girano sui modelli più vecchi (per i quali predisporrà Cloudcell), OpenFeint dichiara guerra ad Apple con un gamer social network multipiattaforma chiamato PlayTime. Ed è una guerra all’ultima feature.

Quando Apple ha annunciato le novità di iOS 4.1, presso AuroraFeint ma anche Plus+ e Crystal in molti devono essere sobbalzati sulla sedia. Con l’introduzione di un social network con la mela dedicato ai giocatori, è chiaro che gli spazi vitali per le librerie di terze parti stanno per subire poderose contrazioni. Ed ecco perché, per non perdere la posizione di privilegio acquisita nel tempo, il produttore di OpenFeint ha deciso di rispondere con l’unica arma che gli è concessa, vale a dire con investimenti nell’innovazione per mantenere la leadership su Apple.

PlayTime è simile a Game Center ma offre molto di più. Innanzitutto, è presente sia su piattaforma iOS che Android, rendendo possibile una partita tra device non necessariamente appartenenti al microcosmo di Cupertino; inoltre, consente parecchie chicche tra cui la chat vocale durante le partite, e il ripristino automatico in caso di abbandono di uno dei giocatori o quando si verificano problemi tecnici. In altre parole, quando uno dei due cessa improvvisamente di essere disponibile, il controllo viene passato all’intelligenza artificiale, così che il gioco possa essere portato a termine. Niente di fantascientifico, sottolinea qualcuno, ma è la prima volta che funzionalità simili vengono implementate massicciamente nel mondo mobile.

Oltretutto l’integrazione, tranquillizza il CEO di AuroraFeint Jason Citron, è quanto mai immediata:

Continua a leggere: OpenFeint annuncia PlayTime e sfida Game Center

....
condividi 5 Commenti