Logo Blogo

Tutti gli articoli con tag macbook pro

Live Apple 2012: tutti i numeri di Apple

pubblicato da Ruthven

Tim Cook Apple Store Barcellona
Tim Cook sul palco, accolto da un breve applauso, inizia a snocciolare numeri e statistiche, come di consueto. Apple possiede ora 380 Store in giro per il mondo e 83 milioni di clienti. Tim Cook mostra con fierezza l’Apple Store di Paseig de Gracia a Barcellona (di cui abbiamo seguito l’apertura su Melablog).

“L’estate dei Mac è stata lunga”, dice, riferendosi al lancio di Mountain Lion a luglio. Il nuovo sistema operativo di Apple ha venduto 7 milioni di copie e rappresenta per Cueprtino la versione di OS X che ha venduto più velocemente nella storia. Ma poi il successo di Apple è continuato con il nuovo hardware.

I MacBook Pro con Retina Display e gli altri portatili hanno spinto Apple ad essere l’azienda numero 1 di notebook negli Stati Uniti. Il mercato di Apple è infatti cresciuta del 15% quest’anno, mentre l’intera industria dei PC ristagnava su una crescita del solo 3%. Gli iPad si sono anche ritagliati la loro fetta di gloria: ben 17 milioni di iPad sono stati venduti nell’ultimo trimestre. Che vuol dire questo per Tim Cook? Che “siamo in un mondo post-PC”; l’era dei computer desktop sta volgendo a termine, mentre il pubblico usa sempre più computer portatili.

L’App Store, il negozio online di Apple per le applicazioni per dispositivi mobili, ha totalizzato 700 mila app vendute, delle quali 250 mila sono per iPad. La crescita del mercato delle app è sorprendente anche per il CEO di Apple, che ci comunica che ogni utente possiede una media di 100 app.

Ma ora è il turno di Phil Schiller, direttore del marketing di Apple. Phil Schiller inizia a parlare di… iPhone!

[Foto courtesy of CNet]

....
condividi 0 Commenti

OS X 10.8.2 risolve i problemi di batteria sui portatili

pubblicato da Giacomo "aW" Martiradonna

10_8_2_batteria

Buone notizie per i possessori dei modelli di portatile Apple afflitti dai problemi di batteria esperiti dopo l’aggiornamento a Mountain Lion. Al calo di autonomia, quantificato nella misura del 33%-38% in meno rispetto alle prestazioni sotto Lion, è stato posto parziale rimedio con OS X 10.8.1. Ma è con OS X 10.8.2, tuttavia, che la situazione dovrebbe tornare definitivamente alla normalità.

La build 12C35 di OS X 10.8.2 riporta i Mac -e le loro batterie- allo splendore dei vecchi tempi: un MacBook Pro 15″ del 2011, per esempio, torna a funzionare in modo continuativo per ben 380 minuti, contro i 260-275 sotto OS X 10.8.0 e i 280-300 minuti sotto OS X 10.8.1. Lo spiegano bene quelli di MacObserver:

Così come avveniva nei nostri test precedenti, l’aggiornamento a Mountain Lion 10.8 diminuisce la durata della batteria in modo significativo, di circa 1 ora e 45 minuti, o il 30% in meno. L’aggiornamento a 10.8.1 ha ripristinato circa 30 minuti di batteria sul nostro MacBook Pro; certamente un miglioramento, ma non abbastanza da riguadagnare tutto il terreno perduto.
La grande sfida è arrivata con 10.8.1, tuttora in fase di sviluppo. Utilizzando l’ultima build, la 12C35, abbiamo assistito ad un gigantesco miglioramento nella durata della batteria, al punto da riuscire persino a strappare qualche minuto in più rispetto a 10.6.8.

La notizia è indubbiamente incoraggiante, ma non sentiamo di pronunciarci definitivamente almeno fino alla release pubblica. Solo allora, infatti, scopriremo su strada l’eventuale efficacia dell’update, quando verrà installata su migliaia di computer.

....
condividi 2 Commenti

Diablo III sarà ulteriormente ottimizzato per il display Retina del nuovo MacBook Pro

pubblicato da Rosario

Diablo III sarà ulteriormente ottimizzato per il display Retina del nuovo MacBook Pro

Se con il vostro Mac amate anche giocare, probabilmente non vi sarete lasciati sfuggire Diablo III, ultimo capitolo della fortunata serie targata Blizzard. Il giochi di ruolo in realtà già può girare alla risoluzione di 2880 x 1800 dei display Retina del nuovo MacBook Pro, ma il team di sviluppo ha fatto sapere di essere al lavoro per migliorare ulteriormente la resa grafica specificamente per l’ultima incarnazione del notebook Apple.

La stessa Blizzard si è dichiarata compiaciuta del fatto che Apple abbia deciso di usare proprio Diablo III in occasione del keynote di presentazione dei nuovi MacBook Pro, rimarcando la sua attenzione nei confronti dei clienti dell’azienda di Cupertino:

“Mentre possiamo confermare che il gioco gira nativamente e trae completo vantaggio della risoluzione massima del nuovo MacBook Pro, dobbiamo lavorare ancora per ottimizzarlo nella modalità in finestra nel nuovo sistema. Daremo ai nostri giocatori Mac un altro aggiornamento quando avremo maggiori dettagli da poter condividere.”

Phil Schiller, senior vice president del reparto Worldwide Product Marketing, aveva del resto parlato proprio del gaming come uno dei modi più strabilianti d’uso del nuovo Retina display presente sui MacBook Pro mostrati, affermando di poter ottenere un’esperienza di gioco come mai nessun’altra prima d’ora grazie alla sua straordinaria risoluzione.

Via | Appleinsider.com

....
condividi 1 Commenti

iFixit disseziona il Retina Display del nuovo MacBook Pro

pubblicato da xtom

iFixit disseziona il Retina Display del nuovo MacBook Pro

Dopo aver smontato il nuovo MacBook Pro giudicandolo il notebook più difficile da riparare, iFixit ha completamente disassemblato il Retina Display per comprendere come Apple sia stata in grado di realizzare uno schermo così sottile e così definito.

Il Retina Display è una meraviglia dell’ingegneria. Il suo pannello LCD è essenzialmente l’intero schermo. Invece di montare un pannello LCD tra un guscio posteriore ed un pannello di vetro frontale, Apple ha utilizzato il case in alluminio come telaio per il pannello LCD ed il display stesso al posto del vetro. Sono riusciti a impacchettare un numero di pixel cinque [quattro ndr] volte superiore rispetto al modello precedente in un display che in realtà è una frazione di millimetro più sottile. E poiché non c’è un vetro frontale, il riflesso non è più un problema.

Questo però significa che lo schermo dei nuovi MacBook Pro non può essere riparato sostituendo il pannello LCD, ma occorre sostituire l’intero pezzo, compreso il guscio in alluminio e la webcam frontale. Di fatto iFixit smontando il display lo ha irrimediabilmente rovinato, ma questo le ha permesso di scoprire che è costituito da una serie di fogli trasparenti che fungono da polarizzatori e prismi per diffondere la luce emessa da una barra di 48 LED posti alla base dello schermo.

L’esemplare smontato da iFixit è marchiato con il codice LP154WT1(SJ)(A1)GD il che significa che è stato prodotto da LG Philips, uno dei principali fornitori di display per i prodotti Apple.

iFixit disseziona il Retina Display del nuovo MacBook ProiFixit disseziona il Retina Display del nuovo MacBook ProiFixit disseziona il Retina Display del nuovo MacBook ProiFixit disseziona il Retina Display del nuovo MacBook Pro
[via ifixit]

....
condividi 1 Commenti

MacBook Pro: 150$ a pannello per i nuovi Retina Display?

pubblicato da Rosario

Apple Retina Mac

Le straordinarie caratteristiche dei Retina Display dei nuovi MacBook Pro da 2880×1880 pixel sembrano aver attratto le attenzioni anche da parte degli altri produttori di notebook, che dovranno però farsi i conti in tasca per uno degli aspetti più importanti legati alla loro produzione: il prezzo dei pannelli.

Secondo quanto rivela Digitimes infatti, il costo dei Retina Display destinati ai nuovi MacBook Pro sarebbe per Apple di almeno 150$ a pezzo: un prezzo senza dubbio alto, giustificato dall’indubbia qualità degli schermi dei nuovi notebook targati Apple. Se tali schermi dovessero però farsi strada nel mercato, com’è facile immaginare, i concorrenti della società di Cupertino saranno di fatto messi alle strette per cercare di colmare il gap.

Le prime recensioni sembrano del resto dirla lunga sulla qualità dei nuovi Retina Display, arrivati per la prima volta su MacBook dopo essersi già fatti apprezzare su iPhone 4 e Nuovo iPad: l’annuncio, come saprete, è arrivato dal palcoscenico del WWDC 2012, dal quale abbiamo potuto assistere anche ad altre novità - una su tutte iOS 6.

Via | Appleinsider.com

I prezzi dei nuovi MacBook Air e MacBook Pro con Display Retina

pubblicato da xtom

L’Apple Store è da poco tornato on line con i prezzi dei nuovi MacBook Air e dei nuovi MacBook Pro con Display Retina presentati poche ore fa da Phill Schiller nel corso dell’evento di apertura del WWDC 2012.

I nuovi MacBook Air partono da 1.079 € per il modello da 11 pollici con 64 GB di memoria flash e processore Intel Ivy Bridge Intel Core i5 dual-core a 1.7 GHz, fino ad arrivare ai 1.579 € del modello da 13 pollici con Intel Core i5 dual-core a 1.8 GHz e 256 GB di memoria flash.

I MacBook Pro da 13 pollici, aggiornati solo nell’hardware, ma non nel design, partono da 1.279 € per il modello equipaggiato con processore Intel Core i5 dual-core a 2.5 GHz e HDD da 500 GB, per salire a 1.579 € per il modello con processore Intel Core i7 dual-core a 2.9 GHz e HDD da 750 GB.

I nuovi MacBook Pro con Display Retina da 15 pollici partono invece da 1.899 € equipaggiati con Intel Core i7 quad-core a 2.3 GHz e HDD da 500 GB, per arrivare fino ai 2.929 € del modello con processore Intel Core i7 quad-core a 2.6 GHz e memoria flash da 512 GB

Come preannunciato dalle indiscrezioni scompare dal listino il MacBook Pro da 17 pollici.

Trapelati i codici di 13 nuovi Mac

pubblicato da xtom

In rete sono trapelati alcuni tabulati sfuggiti da un rivenditore Apple australiano che mostrano 27 prodotti della Mela identificati da nuovi codici, di questi 13 sono relativi a nuove versioni di MacBook Pro, MacBook Air, iMac e Mac Pro, mentre i restanti sono relativi ad alcuni accessori.

Oltre ai tabulati la “talpa” ha rivelato che Apple ha già inviato un consistente stock di nuovi prodotti, in modo che siano disponibili per la vendita la prossima settimana, probabilmente subito a ridosso della presentazione che avverrà lunedì sera nel corso dell’evento di apertura dell WWDC 2012.

La lista comprende due nuovi MacBook Pro da 15 pollici, ma non contempla le versioni da 13 e 17 pollici, che in effetti secondo alcune indiscrezioni non sarebbero ancora in produzione, mentre l’assemblaggio del modello da 15 pollici sarebbe stato avviato lo scorso aprile.

Le novità attese per i due MacBook Pro da 15 pollici, i MacBook Air da 11 e 13 pollici e gli iMac da 21.5 e 27 pollici riguardano sopratutto l’adozione dei nuovi processori Intel Ivy Bridge a basso consumo, ma si mormora anche della possibile adozione di Retina Display su tutti i modelli.

Buone notizie anche per chi aspettava i nuovi Mac Pro, dopo oltre due anni di attesa, sembra che finalmente sia giunta l’ora di una rinfrescata all’hardware dei server della Mela.

[via appleinsider]

....
condividi 3 Commenti

Trapelate le caratterisitche dei nuovi MacBook Pro ?

pubblicato da xtom

Un utente del forum Weiphone ha pubblicato questa immagine che dovrebbe ritrarre le specifiche tecniche di un nuovo MacBook Pro con schermo da 13.3 pollici.

Le novità salienti riguardano fondamentalmente l’hardware con l’adozione di un processore Intel Ivy Bridge Core i5 a 2.5 GHz, GPU Intel HD Graphics 4000, 4 GB di RAM DDR3 a 1600 MHz, Bluetooth 4.0 e due porte USB 3.0.

Tutte novità attese o auspicate, come l’adozione per la prima volta su un Mac delle porte USB 3.0, ma quello che tuttavia lascia perplessi, dopo mesi di indiscrezioni sui nuovi MacBook Pro sottili come i MacBook Air, è la presenza del SuperDrive ed il conseguente spessore di 2.41 cm, esattamente lo steso degli attuali MacBook Pro.

Anche la risoluzione del monitor di 1280 x 800 pixel sarebbe esattamente la stessa dell’attuale MacBook Pro da 13.3 pollici, nonostante da diversi mesi si parli di Retina Display per tutti i Mac.

In sostanza ci troviamo di fronte ad un semplice speed bump dell’attuale MacBook Pro, sempre ammesso che queste specifiche tecniche siano veritiere, ma ciò non implica che Apple non abbia in cantiere anche il MacBook Pro ultrasottile o il MacBook Air da 15 pollici.

Questo MacBook Pro “tradizionale” potrebbe essere il degno sostituto del MacBook bianco ormai sparito dal catalogo Apple. Ne sapremo sicuramente di più lunedì sera nel corso dell’evento di apertura del WWDC 2012.

[via macrumors]

....
condividi 2 Commenti

Intel lancia la nuova generazione di Thunderbolt il 23 aprile

pubblicato da xtom


Intel ha cominciato a distribuire i nuovi chip denominati Cactus Ridge che pilotano la seconda generazione della porta ad alta velocità Thunderbolt. Due le versioni disponibili, la DSL3510 a quattro canali e la DSL3310 a due canali, che potrebbero approdare sui nuovi MacBook Pro.

La cosa interessante è che la DSL3510 supporta ingressi multipli per la DisplayPort, ciò significa che in teoria sarebbe possibile interfacciare una scheda grafica esterna con un singolo connettore Thunderbolt per sopperire eventualmente alla GPU integrata nel processore. Sullo stesso cavo verrebbero infatti veicolati sia i dati che passano dal processore alla GPU, sia il segnale video che dalla scheda grafica rientra nel Mac per visualizzare le immagini sul display.

L’annuncio ufficiale di Intel dei nuovi chip Cactus Ridge dovrebbe avvenire il 23 aprile, mentre in precedenza si era parlato del 29 aprile come possibile data di lancio dei nuovi processori Ivy Bridge. Intel potrebbe decidere di unificare i due eventi e presentare quindi il 23 aprile i primi computer equipaggiati con i processori Ivy Bridge e la porta Thunderbolt di seconda generazione, tra questi potrebbero figurare anche i nuovi MacBook Pro.

[via macrumors]

....
condividi 2 Commenti

I processori Ivy Bridge sono fatti per i Retina Display

pubblicato da xtom


Kirk Skaugen, vicepresidente e general manager della divisione PC di Intel, ha dichiarato, nel corso dell’Intel Developer Forum, che i nuovi processori Ivy Bridge sono stati realizzati per i computer dotati di Retina Display.

La GPU integrata nei processori Ivy Bridge, oltre ad essere più performante rispetto a quella presente negli attuali processori Sandy Bridge, è infatti in grado di supportare risoluzioni fino a di 2560 x 1600 pixel (parole di Skaugen), ovvero quattro volte superiore rispetto alla risoluzione del display presente nell’attuale MacBook Pro da 13 pollici.

I nuovi MacBook Pro, il cui debutto è ormai imminente, potrebbero adottare proprio un Retina Display con questa risoluzione, d’altra parte non è un mistero che Apple da tempo stia lavorando per portare la grafica retina sulle più recenti versioni di OS X.

Nel caso Apple decidesse di non affiancare ai processori Ivy Bridge un GPU esterna più performante sarà sempre possibile sfruttare la porta Thunderbolt per collegare una scheda grafica esterna attraverso un adattatore come l’MSI GUS II.

[via 9to5mac]

....
condividi 5 Commenti