Spotify sbarca su App Store in Europa (ma non in Italia)

spotify per iphoneSpotify, servizio di streaming musicale online, ha finalmente rilasciato la sua applicazione per iPhone e Andorid dedicata ai propri utenti premium e sarà presto una killer app per tutti gli appassionati di musica.

Cos'è Spotify? Spotify non è altro che un servizio di streaming musicale molto simile al più celebre Lastfm: ci si registra, si scarica un client per accedere e gestire la musica in streaming, accedendo ad un catalogo in continuo ingrandimento, e si ascolta musica.

L'applicazione per iPhone (e Andorid) è scaricabile esclusivamente dagli utenti premium ovvero coloro che pagano un'abbonamento mensile che gli permette di avere eccesso illimatato alla musica, lo stream musicale ad un bitrate sino a 320kbps e altri benefici (come prevendite di biglietti di concerti). I costi sono i seguenti: 9.99 € per il singolo mese, oppure 119.88 € se si opta di acquistare un anno in colpo solo.

Lo streaming musicale può avvenire sia tramite reti wifi che tramite reti dati 2.5/3G, ma la vera peculiarità sta nella riproduzione offline delle canzoni selezionate dal catalogo di Spotify: in una playlist è sufficiente premere il tasto "Offline playlist" e si potranno ascoltare le canzoni selezionate anche senza connessione e, quando ci ricollegheremo, l'applicazione risincronizzerà le modifiche che abbiamo effettuato (canzoni aggiunte, playlist cancellate, ecc.).
Da evidenziare però che la connessione al proprio account online deve essere effettuata almeno una volta al mese, più per motivi legali
che per necessità tecnica, come scoperto dai ragazzi di iGeneration nella loro recensione.

L'app di Spotify non funziona in background e non può dunque essere fruita mentre si utilizzano altre funzioni del dispositivo.

Per quanto riguarda la disponibilità sul mercato italiano, mi è stato confermato in mattinata da Andres Sehr, Global Community Manager di Spotify, che (per nostra sfortuna) non hanno ancora una time line relativa al lancio qui da noi.

Se sulla carta Spotify sembra in netta concorrenza con iTunes Store, di fatto Spotify per iPhone risulta "limitata" rispetto al client per desktop di Spotify: le principali come la creazione di radio personalizzate, tutto ciò che riguarda l'ambito di condivisione sui social network (Facebook, Twitter, ecc.) e lo scrobbling brani da LastFM sono assenti e quindi l'interesse del possibile utente viene notevolmente abbassato. Oltre a questo, va detto che la limitazione ai soli utenti premium è un fattore che circoscrive notevolmente la diffusione di tale applicazione e a Cupertino ne sono consapevoli.

  • shares
  • +1
  • Mail
4 commenti Aggiorna
Ordina: