BrandIndex: gli spot Microsoft funzionano


Gli spot Microsoft intitolati "Laptop Hunters" saranno pure controversi e discutibili ma, almeno secondo i dati forniti da BrandIndex, funzionano egregiamente ed avrebbero già prodotto i loro effetti nella percezione dell'utente medio.

Nella fascia dei 5.000 utenti oggetto dell'intervista tutti tra i 18 ed i 34 anni, infatti, la percezione del valore del marchio Microsoft sarebbe salita drasticamente a scapito di quella verso i computer Apple. In una scala che va da -100 a 100, lo scorso inverno Cupertino aveva raggiunto 70 punti (un punteggio di 0 sottintende lo stesso numero di giudizi positivi e negativi), mentre ora è fissata a 12,4. Nel mentre, Microsoft sarebbe passata dallo 0 dello scorso febbraio all'attuale 46,2.

Secondo Ted Marzilli, global managing director di BrandIndex, l'impatto maggiore della campagna (complice l'andamento economico) è avvenuto nei giovani che hanno mediamente un potere d'acquisto più ridotto e si adattano maggiormente:


Apple possiede storicamente un grosso vantaggio, quando studiamo i nostri dati. Ha fatto un eccellente lavoro per mettere Microsoft sulla difensiva. Li ha fatti sembrare vecchi, pesanti, complicati da usare e poco alla moda. Ma ora Microsoft ha risposto al fuoco e i più giovani sono più sensibili al fattore costo.

Secondo Microsoft la campagna "Laptop Hunters" è servita per mantenere il mercato consumer nonostante la recessione e, dal giorno del primo spot, avrebbe portato un +10% di preferenze verso i computer Windows.

  • shares
  • Mail
59 commenti Aggiorna
Ordina: