Il capo della divisione iPod lascia Apple


Dal Wall Street Journal arriva la notizia che Tony Fadell, il capo della divisione iPod e figura chiave dei meccanismi di Cupertino, lascia Apple per ragioni personali. Al suo posto Mark Papermaster, il manager che IBM tenta di trattenere coi denti.

Non soltanto Fadell è considerato il padre dell'iPod nella sua incarnazione originale, ma è stato direttamente coinvolto anche nello sviluppo di iPhone, ed in sette anni ha contribuito alle fortune della società. Secondo la leggenda, infatti, Fadell era un imprenditore ed esperto di hardware con l'idea dell'iPod in testa, in seguito sottoposta all'attenzione di Apple:



"L'idea di Tony era di prendere un lettore MP3, di circondarlo con un servizio di vendita musicale e di costruire una società attorno ad essi" Disse Knauss. "Tony aveva avuto l'idea del business". Knauss disse che Fadell aveva lasciato Philips e si era messo in proprio come imprenditore indipendente per vendere la sua idea. Aveva avvicinato molte società e da tutte era stato scartato, eccetto Apple.

Stando a quanto riportato dalla famosa testata, Fadell starebbe lasciando Apple per motivazione del tutto personali e la sua vicenda sarebbe in qualche modo legata alla vicenda di Mark Papermaster, il dirigente che IBM ha portato in tribunale poiché - secondo BigBlue - sarebbe legato ad un contratto che gli impedisce di lavorare per una società concorrente per almeno un anno.

[Via PaidContent]

  • shares
  • Mail
11 commenti Aggiorna
Ordina: