WSJ: Apple ha comprato la startup WiFiSLAM per il GPS al coperto

Una spesa milionaria per assicurarsi la tecnologia di WiFiSLAM, startup che opera nell'ambito della copertura GPS. Ecco i dettagli.

WiFiSLAM logo

20 milioni di dollari per assicurarsi la proprietà di WiFiSLAM: è la notizia riportata dal Wall Street Journal, secondo il quale Apple avrebbe allentato i cordoni della borsa per comprare la startup che si occupa di tracciamento GPS al coperto.

Come saprete infatti, i sistemi di navigazione tradizionali perdono il segnale GPS quando si trovano al coperto, situazione in cui vi sarete di sicuro ritrovati provando a usarli dentro casa o in galleria su strada. WiFiSLAM prova a estendere la copertura GPS usando la triangolazione dei segnali wireless quando le informazioni provenienti dai satelliti.

L'accordo da 20 milioni permetterebbe dunque ad Apple di rilanciare anche con tale funzionalità la sua applicazione Mappe, sicuramente bisognosa di novità sostanziali per riacquistare credibilità tra i possessori di iOS che attualmente continuano a fare riferimento a Google (o ad altri servizi esterni ad Apple) per visualizzare le proprie mappe.

Un modo per fare concorrenza proprio a Google del resto, visto che l'azienda di Mountain View ha lanciato già da qualche tempo il progetto "Indoor Maps", con il quale tenere la mappa di luoghi pubblici di una certa grandezza come aeroporti e centri commerciali.

Neanche a farlo apposta, tra la "manciata" di persone attualmente al lavoro su WiFiSLAM ci sono gli ex dipendenti di Google, Joseph Huang e Darin Tay, più Don Dodge nel ruolo d'investitore, ma anch'egli con un passato legato a Google alle spalle.

Via | Electronista.com

  • shares
  • +1
  • Mail