Google Glass è compatibile con iPhone via Bluetooth

googleglass

Contrariamente a quanto ci si sarebbe aspettato, il nuovo computer indossabile di Mountain View -il fantascientifico Google Glass- non è compatibile soltanto con gli smartphone Android, ma anche con iPhone attraverso il Bluetooth. Ecco cosa è emerso finora.

Il progetto Google Glass consiste in un piccolo computer con WiFi, GPS e Bluetooth montato sopra una paio di comuni occhiali, corroborato da un minuscolo display visibile solo all'utente e da una fotocamera in grado di percepire e registrare quel che accade attorno; il tutto arricchito dai dati forniti in wireless dallo smartphone. Allo stato attuale, vengono utilizzati per "aumentare" la realtà sovrapponendole indicazioni stradali, velocità di percorrenza, messaggi testuali, previsioni del tempo e molto altro.

Si tratta di un gingillo che ha tutte le carte in regola per trasformarsi nel nuovo tormentone post-iPhone, e che di sicuro -quantomeno- farà ancora parlare molto di sé.

Da principio, si temeva che sarebbe stato compatibile esclusivamente con gli smartphone dotati di Sistema Operativo Android, e invece no. Lo specifica Topolsky in una interessantissimo pezzo su The Verge:

Si comincia prima di tutto dando il comando vocale "Ok glass" oppure facendo lo scrolling delle opzioni col dito sul lato del dispositivo. Si può scorrere gli elementi muovendo il dito in avanti o indietro sul sensore, si seleziona con un tap e si torna indietro nei menu con uno sfioramento in basso. La gran parte dell'interazione, tuttavia, avviene tramite la voce.
Il dispositivo ottiene i dati con il suo WiFi, oppure via Bluetooth attraverso un dispositivo Android o iPhone, e ne utilizza la connessione 3G o 4G mentre si è fuori. Non c'è un modulo cellulare nel Glass, ma in compenso c'è quello del GPS.

Vedremo più in là se e quanto avrà successo. Anche perché, al di là della novità, il gingillo in questione ha un costo non propriamente popolare: meno 1.500$, con inizio della commercializzazione entro la fine dell'anno. Lo comprereste? Fatecelo sapere nei commenti, sul nostro canale Twitter e sulla nostra pagina Facebook.

  • shares
  • +1
  • Mail
7 commenti Aggiorna
Ordina: