Mailbox, l'app per iPhone che trasforma le mail in promemoria

I nostri cugini di Mobileblog l'avevano definita l'app che cambierà per sempre le mail, e forse non peccavano d'entusiasmo. C'è molta attesa per Mailbox, il client di posta elettronica per iOS che promette di svecchiare le mail e di renderle simili ai promemoria. Orchestra, la software house che l'ha sviluppata, sta infatti preparandosi al debutto in pompa magna, e intanto ha dato il via alle iscrizioni.

L'idea alla base di MailBox è di rendere più intuitiva e naturale consultazione delle mail, attingendo a concetti che derivano direttamente dalla messaggistica e dalle app di pianificazione degli eventi, senza dimenticare una generosa dose di gesture. Lo ha detto anche Gentry Underwood, il CEO di Orchestra:

Le mail sono stato progettate circa 30 anni fa, ed esclusivamente per computer posti su di una scrivania. Tutto è stato realizzato in modo lento e macchinoso. Se vuoi far sì che l’esperienza diventi più fluida e immediata sui piccoli schermi degli smartphone, devi ripartire da zero.

E poiché il servizio si basa su un intenso scambio di dati On the Cloud, Orchestra ha deciso di effettuare un lancio con la ridotta inserita: solo chi si iscrive al servizio potrà provare l'app non appena sarà disponibile; e chi prima si iscrive, prima verrà servito ("first come, first served"). Le prenotazioni sono disponibili alla pagina Web dedicata alla novità, con queste modalità:

Assicuratevi un posto in prima fila prenotado Mailbox oggi. Una volta iscritto, riceverai un nostro SMS contenente un Numero di Prenotazione, che corrisponde al tuo posto in fila. Riceverai anche un Codice Privato che ti servirà per reclamare la tua prenotazione una volta che l'app è pronta. Se hai inviato in precedenza il tuo numero di telefono o la tua mail al nostro sito, abbiamo già riservato per te un posto in fila.

Nulla è dato sapere sulla data del debutto ufficiale, ma qualcosa è trapelato comunque; non esisterà un equivalente Desktop, e da principio Mailbox funzionerà esclusivamente con gli account GMail (l'app crea una cartella speciale su Gmail in cui gestisce la propria archiviazione), per poi allargarsi anche agli altri provider. Come specificato nella politica sulla privacy, tutte le comunicazioni saranno crittografate ma la parte migliore è probabilmente un'altra: Mailbox sarà per sempre gratuita. Il sostentamento per la società arriverà infatti da feature avanzate a pagamento, acquistabili a parte con meccanismo In-App.

  • shares
  • Mail
3 commenti Aggiorna
Ordina: