Orbitz segnala ai Mac user gli hotel più costosi

Il Wall Street Journal segnala una notizia davvero curiosa, che non mancherà di sollevare qualche sopracciglio. Il sito di prenotazioni online Orbitz, infatti, di default propone agli utenti Apple sistemazioni e alloggiamenti superiori alla media. E la ragione è semplice: chi ha la mela, di solito spende di più.

Non c'è niente di male, intendiamoci; a parità di condizioni, i prezzi praticati sono assolutamente gli stessi. Basta però impostare la stessa ricerca da un computer Apple e da uno Windows per scoprire che, nel secondo caso, il sito di viaggi abbasserà un po' il tiro:

Orbitz ha sperimentato che gli utenti Mac spendono in media dai 20$ ai 30$ in più sulle notti in albergo rispetto alla controparte PC, il che corrisponde ad un margine significativo visto che la notte media in un hotel costa circa 100$, ha affermato Wai Gen Yee. Gli utenti Mac hanno il 40% di probabilità in più di prenotare un hotel a quattro o cinque stelle rispetto agli utenti PC, ha affermato il Sig. Yee, e quando un utente Mac e uno PC prenotano nella medesima struttura, gli utenti Mac tendono a soggiornare nelle camere più costose.
"Abbiamo avuto un'intuizione, e siamo stati in grado di confermarla attraverso i dati" ha dichiarato Roger Liew, CTO per Orbitz.

E d'altro canto, come anche sottolinea MacRumors, l'utente Mac medio a stelle e strisce percepisce annualmente 98.560$ contro i 74.452$ del suo collega su Windows. Ciononostante, è incredibile come la semplice scelta d'un Sistema Operativo -un'informazione di per sé innocua- possa tradire così tante informazioni su di noi, sulle abitudini di spesa e sui nostri gusti. Portafoglio permettendo, si intende.

  • shares
  • Mail
4 commenti Aggiorna
Ordina: