macOS 10.15: app iPad su Mac, e iTunes diviso in 4 app


Aggiornamento del 7 maggio 2019

L'arrivo di macOS 10.15 cambierà profondamente l'esperienza utente a cui eravamo abituati. Per esempio, iTunes -quell'ipertrofico gigante che accentra su di sé mille funzionalità diverse- verrà finalmente smembrato in una serie di app più leggere e mirate: Musica, Podcast, Libri e così via. Ma la parola d'ordine sarà: integrazione tra iOS e macOS.

App iPad su Mac


Le app iPhone e iPad potranno essere portate su Mac con pochissimo sforzo, grazie al nuovo SDK che semplifica enormemente il processo di sviluppo parallelo. E questo è solo il primo passo di un processo di fusione che porterà le applicazioni per iPhone, iPad e Mac in un singolo pacchetto che potrà essere avviato su qualunque dispositivo Apple entro il 2021.

Il medesimo processo di unificazione porterà anche i Comandi Rapidi di Siri e Tempo di Utilizzo (Screen Time) su Mac, nuovi effetti e sticker nell'app Messaggi, e l'unione tra Trova iPhone e Trova Amici, con in più il lancio di un portachiavi smart con la mela.

Addio ad iTunes (Come lo Conosciamo)


Era una vita che se ne parlava, e in realtà -un po' alla chetichella- un pezzetto di questa transizione è già iniziato senza che ce ne accorgessimo. Nel corso degli anni, iTunes è diventato un pachiderma, con librerie gigantesche di app, libri, musica, PDF, podcast, backup e molto altro; la sua natura di hub centrale per la sincronizzazione di iPhone e iPad, infatti, ha contribuito ad accentrare e accrescere moltissime feature eterogenee, fino al punto a cui siamo ora. Ma le cose stanno per cambiare.

Tante Nuove App


Con macOS 10.15, iTunes verrà smembrato in tante app quante sono le sue funzionalità principali: Musica, Podcast e Libri e TV: avranno le icone che vedete qui in alto. E in effetti un assaggio di questo cambiamento lo abbiamo già avuto quando Apple ha creato l'app Libri per Mac e annunciato il lancio dell'app TV per macOS. Anzi, nel 2019 è lecito attendersi che all'app Libri venga esteso il controllo anche degli audiolibri, liberando così l'app Musica da un ulteriore fardello, più un importante redesign dell'interfaccia grafica.

La notizia l'ha data Steve Troughton-Smith, una fonte che consideriamo estremamente affidabile, ed è stata confermata anche da altre fonti indipendenti in queste ultime ore. Per sapere con certezza quali piani abbiano in mente a Cupertino, occorrerà attendere il WWDC 2019 il prossimo 3 giugno; sarà quella la cornice in cui conosceremo macOS 10.15 e iOS 13.

  • shares
  • Mail