iPhone 11 sarà più sottile e leggero, e il merito è (anche) di Samsung

Sebbene iPhone XS e iPhone XR siano stati lanciati da poco, Cupertino lavora già alla prossima generazione di smartphone con la mela. Ecco perché, con larghissimo anticipo, conosciamo già alcune delle caratteristiche che dovrebbero avere.

A causa della querelle legale che vede contrapposte Apple e Qualcomm e che recentemente è sfociata in un blocco delle vendite in Cina, la mela intende sostituire i modem degli iPhone con chip proprietari, sviluppati interamente a casa propria.

Una novità che richiede tuttavia ancora parecchio tempo prima di essere messa a punto; pertanto, è praticamente impossibile che l'iPhone dell'anno prossimo monti un modem Apple. E poiché nel 2020 è previsto il lancio di un iPhone con supporto al 5G (grazie al modem Intel), per un iPhone con modem Apple dovremo attendere almeno il 2021.

Diverso invece il discorso del display; per quello è impensabile che Apple possa sostituire Samsung nel breve e medio periodo; e non che non c'abbiano provato, intendiamoci. Semplicemente nell'industria odierna non esistono alternative; motivo per cui, Samsung resterà lo sforna-display di riferimento pure per l'anno prossimo, e per ottime ragioni.

I nuovi display messi a punto dalla sud coreana, infatti, integrano il modulo touch direttamente nel pannello OLED, laddove fino ad oggi era consuetudine sovrapporli su due strati diversi. Questa tecnologia, chiamata Y-OCTA (Youm On-Cell Touch AMOLED), consentirà di creare smartphone molto più sottili e leggeri, ma renderà anche più costosa la riparazione in caso di danneggiamento.

Apple ha già opzionato la tecnologia, a patto però che venga aumentata la sensibilità del Touch; cosa che Samsung afferma di poter risolvere in tempi brevi. Dunque, se tutto va come previsto, iPhone 11 sarà più sottile e leggero dei modelli attuali. Ma grosso del merito, ironia della sorte, va all'acerrima nemica.

  • shares
  • +1
  • Mail