iPhone XS, lo comprano solo i "poveri invisibili" (secondo un quotidiano cinese)

Povero in canna, desideroso di ostentare e poco istruito. Ecco l'inverosimile profilo dell'acquirente medio di iPhone XS secondo un noto quotidiano cinese.

Una discutibile ricerca condotta da MobData e ripresa dal South China Morning Post rivela una realtà che vi lascerà di stucco. A quanto pare, la maggior parte degli iPhone venduti in Cina sarebbero comprati dai "poveri invisibili" ovvero da persone che fanno fatica ad arrivare a fine mese, ma lo nascondono.

"La società di Shanghai ha scoperto che la maggior parte degli utenti iPhone sono donne nubili con età compresa tra 18 e 34 anni, dotate solo di certificato di scuola superiore e entrate mensili sotto i 3.000 Yuan [circa 380€, n.d.].[...]

I diplomati al Collegate e coloro i quali guadagnano più di 20.000 Yuan al mese [oltre 2.500€ n.d.A.] preferisocno i telefoni Huawei e Xiaomi, e più di metà degli utenti Oppo e Vivo guadagna dai 3.000 ai 10.000 Yuan al mese. Gli utenti iPhone hanno guadagnato nell'ultimo mese 3.000 Yuan o meno."

Ovviamente, sempre secondo lo studio, gli utenti Huawei sono generalmente uomini di successo, sposati, con età compresa tra i 25 e i 34 anni, dotati di diploma o laurea, e con stipendi di giada compresi tra 5.000 e 20.000 Yuan, cioè la bellezza di 2.529€; senza contare che, a differenza dei povery Apple, una porzione importante di chi compra Huawei possiede appartamenti e auto di proprietà.

In questi giorni è emersa la possibilità che Apple possa decidere di abbassare i prezzi di iPhone XS, e che al contempo possa rimettere in produzione iPhone X per dare vigore alle vendite. Ed è certamente vero che in Cina i marchi locali spadroneggino a scapito dei prodotti concorrenti stranieri; attualmente, infatti, la mela non supera il 9% del mercato. Ma da qui a sostenere che iPhone sia per poveracci, e Huawei per persone di successo (sempre maschi e sempre rigorosamente sposati, per carità), ce ne passa.

  • shares
  • +1
  • Mail