iPad Pro: tutti i limiti e le potenzialità dell'USB-C

È vero che il nuovo iPad Pro dice introduce una porta USB-C standard, ma questo non implica che possiate connetterci qualunque dispositivo. Ecco quali accessori e periferiche sono supportate.


Aggiornamento del 21 novembre 2018

Gli iPad Pro da 11 e 12.9 pollici lanciati da Apple nei giorni scorsi possiedono una porta USB-C in luogo della vecchia Lightning; ciò rende molto più pratica la connessione di fotocamere, display esterni e degli altri accessori, ma ci sono delle limitazioni che è bene tenere a mente prima di un eventuale acquisto.

Nuove Notifiche


Quando collegate un dispositivo USB-C, un'inedita icona farà capolino in alto a destra nella Barra di Stato del tablet. È quella che vedete qui in alto, proprio a fianco a WiFi e LTE. Ha una forma oblunga con una forma che ricorda il vecchio Camera Connection Kit, ma compare solo per qualche istante dopo la connessione: poi sparisce.

Si tratta di una piccola chicca che tornerà molto utile per tenere sotto controllo lo stato del sistema, ora che iPad Pro diventa sempre più simile ad un computer vero e proprio.

Display Esterni


La porta USB-C dei Mac e degli iPad Pro è simile solo per quanto concerne la forma del connettore. Sui Mac infatti dietro c'è una velocissima Thunderbolt 3 che consente di collegare diversi display e un'infinità di altre periferiche in cascata; quella dell'iPad Pro invece si ferma allo standard USB 3.1 di seconda generazione, capace di scambiare dati al massimo a 10 gigabit/secondo. Ciò rende possibile collegare un monitor 5K a 60 fotogrammi/secondo ma ci sono alcune contropartite che dovete tenere a mente.

In linea di massima, potete connettere display tipo l'LG UltraFine 4K, e controllare perfino l'HDR10 dell'LG 27UK850 4K. Con queste configurazioni, iPad Pro effettuerà il mirroring dello schermo e con alcune app tipo Keynote gestirà il doppio schermo per le presentazioni. Inoltre, sebbene tecnicamente capace di supportare i 5K, iPad Pro non supporta gli LG 5K UltraFine venduti anche da Apple: per quelli serve Thunderbolt 3.

In ogni caso, non potete usare il cavo USB-C presente nella confezione. Dovrete acquistarne a parte un altro per connessioni a banda larga, come ad esempio il Belkin Cavo Thunderbolt 3 da USB-C a USB-C.

In alternativa, potreste optare per l'Adattatore multiporta da USB‑C ad AV digitale per avere a disposizione una HDMI (massimo 4K at 30Hz) più USB-C (solo per ricarica) e una USB-A; nel caso di vecchi proiettori VGA, potete addirittura collegare l'Adattatore Apple da USB-C a VGA (e se costa troppo, ci sono sempre gli omologhi compatibili da meno di 15€).

Aggiornamento: Thunderbolt ≠ USB-C


L'immagine qui sopra mostra cosa accade quando si connette un accessorio Thunderbolt a iPad Pro. A livello fisico, la connessione avviene senza difficoltà; il problema è che poi manca l'hardware per gestire l'interfacciamento.

Nel caso specifico, qui è stata connessa una scheda audio esterna Universal Audio Thunderbolt, il che significa che se non altro il tablet è in grado di riconoscere periferiche Thunderbolt anche quando si usa un cavo non-Thunderbolt (è stato usato il cavo di alimentazione dell'iPad). Una magra consolazione.

Fotocamere Digitali


Nessun dispositivo iOS permette di gestire hard disk come farebbe un Mac, ma potete usare l'app Foto per importare immagini e video da un iPhone, da una memoria esterna o direttamente da una fotocamera.

Per lo scopo potreste aver bisogno di un adattatore, ma per fortuna se ne trovano di tutti i tipi e a costi molto contenuti:

Accessori USB standard


Grazie alla magia del plug-and-play, iPad Pro supporta un gran numero di periferiche standard; non un mouse, per ovvie ragioni, ma una tastiera ad esempio sì. Potete perfino connettere un dongle da USB-C a Ethernet da 12.99€, senza necessità di configurazione né installazione di driver.

Sul fronte dell'audio, iPad Pro non dispone di un jack cuffie, ma potete connettere tranquillamente tastiere MIDI e microfoni USB (da usare in abbinamento a Garageband), o in alternativa sfruttare un adattatore da USB C a Jack Cuffie da 3,5mm.

Inoltre, non dimenticate che iPad Pro può essere usato a mo' di powerbank; la sua porta USB-C consente di ricaricare dispositivi fino ad una velocità massima di 7.5W, il che lo rende perfetto per ricaricare un iPhone al volo (grazie ad un Adattatore USB-C a USB-A da 7,99€). Potete addirittura collegare due iPad Pro tra di loro, e quello più scarico si ricaricherà dall'altro; per questo però vi servirà un cavo USB-C a USB-C da meno di 9€.

  • shares
  • +1
  • Mail