Apple Store chiuso dopo il ritrovamento di 1 Kg di metanfetamina

Un Apple Store è stato chiuso dopo che l'addetto alle vendite ha scoperto una scatola contenente 1 kilo di metanfetamina; ma la parte migliore è come c'è finita.

apple-store-chiuso-droga.jpg

Dura vita quella del Genius. Quando non vengono presi a pugni dai clienti inferociti (true story), devono anche sventare rapine mordi e fuggi, e alla fine vengono pure presi in giro da Samsung. E questo è niente: aspettate di sentire cosa è successo ad un addetto Apple Store in questi giorni.

Al negozio Apple Grand Central Terminal di Manhattan è arrivato un pacco FedEx, come ne arrivano a tonnellate ogni giorni. Ma il collo di cui parliamo aveva un contenuto molto diverso dall'ordinario: un kilo abbondante di metanfetamina in cristalli (Crystal Meth). Una sostanza molto pericolosa e assolutamente illegale, del valore complessivo compreso tra 26.000 e 36.000 dollari.

Non appena è stato chiarita la natura del problema, si sono resi necessari la chiusura del negozio e l'intervento della polizia. E a questo punto vi starete domandando: da dove è piovuto un carico simile, e soprattutto perché? La risposta è tanto semplice quanto incredibile.

In pratica, lo spacciatore ha fatto confusione con gli indirizzi, e ha spedito la metanfetamina al destinatario sbagliato (immaginiamo dunque che qualcun altro abbia ricevuto un iPhone rotto, aspettandosi tutt'altro). E poiché sul plico era presente anche l'indirizzo del mittente, non è stato difficile individuarlo e ammanettarlo. Fine della vicenda più assurda che leggerete oggi.

  • shares
  • Mail