Vivo NEX, ecco che aspetto avrebbe un iPhone X senza Notch

Se vi stavate domandando che aspetto avrebbe un iPhone X senza l'intaglio della Notch, potete farvi un'idea molto precisa dando un'occhiata al Vivo NEX, uno smartphone Android realmente tutto schermo ma con un segreto che non vi aspettereste.

Allo stato attuale dell'evoluzione tecnologica, non è possibile incastonare una webcam sotto il display; ci sono voluti già parecchio tempo e risorse per infilare il sensore di impronte digitali: ma per la fotocamera è semplicemente ancora troppo presto. L'utenza però scalpita e chiede un dispositivo tutto schermo, e allora occorre ricorrere a espedienti dal sapore un po' retrò.

Per ottenere una tavoletta tutta display (l'ipotesi di eliminare la fotocamera frontale non è neppure sul tavolo), il Vivo NEX ha dovuto nascondere la fotocamera in un modulo che fuoriesce quando bisogna farsi un selfie.

Il vantaggio principale è che si ottiene il design tanto ambìto; la fregatura sta nel fatto che si aggiunge una componente mobile al tutto. Dunque, un pezzetto di scocca particolarmente fragile che può rompersi in qualunque momento, o riempirsi di polvere e restare bloccata. Un compromesso che Apple non avrebbe mai accettato.

Ma c'è anche un'altra questione importante. Su iPhone X l'intaglio nel display non serve solo ad alloggiare la fotocamera 2D, ma anche i sensori 3D per il riconoscimento biometrico dei tratti del volto. E ipotizzare di tirar fuori la fotocamera ad ogni sblocco del dispositivo è francamente impensabile. Ecco per quale ragione il Vivo ha ripiegato sul sensore di impronte, anche se è 20 volte meno sicuro di Face ID.

Alla fine si tratta di scelte tecniche, e se ripagheranno lo decideranno gli utenti col loro portafoglio. Per ora, iPhone X si è dimostrato un campione di vendite nonostante un prezzo non proprio popolare; e visto che anche il mondo Android ha diffusamente abbracciato la Notch, forse Apple non aveva tutti i torti.

  • shares
  • Mail