iPhone X2: scorte limitate e produzione rallentata

Con la prossima generazione di iPhone, Apple intende adottare un approccio più cauto, riducendo gli ordinativi di componentistica. Questo significa che saranno introvabili per mesi dopo il lancio.

iphone-x2-scorte-limitate.jpg

In queste ore, Apple ha chiesto ai produttori partner di ridurre del 20% la produzione di componentistica dedicata ad iPhone X2 e iPhone X Plus. La volontà è di serbare un "approccio più cauto" e meno aggressivo rispetto a quello dell'anno scorso, ed eventualmente aumentare in corso d'opera i ritmi secondo necessità.

Il fatto è che, nel 2017, Cupertino aveva inizialmente piazzato ordini per 100 milioni di iPhone 8, 8 Plus e X, in previsione di vendite spumeggianti; in realtà, quel numero è poi stato ritrattato fino a 80 milioni di unità, ed è questo rallentamento che ha portato gli analisti a parlare di flop; un flop che in realtà non è tecnicamente avvenuto, visto che Apple ha registrato un nuovo record. Ma stavolta la mela vuole andarci coi piedi di piombo, tant'è che il Nikkei scrive:

"Apple è piuttosto conservativa in termini di ordini piazzati per i venturi iPhone di quest'anno" ha rivelato una delle quattro fonti della catena delle forniture. "Per i tre nuovi modelli nello specifico, la capacità totale pianificata potrebbe attestarsi al 20% in meno rispetto l'anno scorso."

Questo significa che i nuovi telefoni saranno praticamente introvabili per mesi dopo il debutto, con lunghe code nei negozi e tempi di attesa infiniti per le consegne. Per questa ragione, Apple ha anche chiesto ai partner di "prepararsi prima quest'anno" in particolar modo per i modelli OLED, vale a dire iPhone X e iPhone X Plus; per il modello più economico, quello con form factor di iPhone X ma schermo LCD, invece, non dovrebbero esserci grosse difficoltà nell'approvvigionamento.

Vota l'articolo:
4.00 su 5.00 basato su 91 voti.  
  • shares
  • +1
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE TECNOLOGIA DI BLOGO