Samsung Galaxy S9, lo spot prende in giro Apple ma fallisce

Samsung ha lanciato un nuovo spot per pubblicizzare la sua ultima fatica, il Galaxy S9. Ovviamente prende in giro Apple, ma stavolta non convince granché; anzi, fa mezzo flop.

Nel video si vede una ragazza che incontra difficoltà col suo iPhone 6; il dispositivo è lentissimo, ci mette secoli a caricare le carte d'imbarco (causando l'ira dell'hostess di terra), e non è impermeabile. Poi, la capatina in Apple Store per tentare di risolvere i problemi, con un Genius che riesce solo a dirle "puoi disattivare le feature di risparmio energetico, ma ti si potrebbe spegnere brutalmente di tanto in tanto, oppure puoi comprare un telefono nuovo."

Infine, fa capolino il tizio coi capelli stile iPhone X (e un evidente disturbo della personalità) che avevamo visto nel primo spot della serie, l'anno scorso. Scopriamo pure che ha avuto un figlio, e che anche lui fa la file in Apple Store. Sembrano due serial killer.

Quel che non convince di questo secondo spot è che il marketing abbia scelto di mettere a confronto lo smartphone di punta della società, il Galaxy S9, contro un telefono concorrente del 2014, iPhone 6. Tant'è che, nelle scrittine in piccolo, si legge "sono disponibili modelli più recenti di iPhone."

E subito dopo aggiunge "immagini su schermo simulate," come a dire che la lentezza del dispositivo è esasperata e falsificata per esigenze di copione. Perché è vero che iPhone 6 è lento con iOS 11, ma è pure vero che non mostra schermate bianche per interi secondi. E comunque, anche un Samsung del 2014 aggiornato all'ultima versione di Android (ammesso che sia tecnicamente disponibile), creerebbe fenomeni simili. Il problema è a monte: qualunque smartphone di oggi è comunque più performante di un modello di 4 anni fa.

Probabilmente, Samsung tenta solo di irretire gli utenti fermi a vecchie versioni di iPhone, perché sa benissimo che chi ha acquistato iPhone 8 e iPhone X non ha la benché minima intenzione di cambiarlo. E la canzonatura è legittima e sempre gradita, ma stavolta semplicemente non fa ridere granché. Molto meglio lo spot della volta scorsa, che vi mostriamo qui in fondo; in cima al post, invece, l'ultimo dei due.

Vota l'articolo:
4.00 su 5.00 basato su 47 voti.  
  • shares
  • +1
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE TECNOLOGIA DI BLOGO