Apple acquisisce SMI, società specializzata in tracciamento oculare

Apple ha acquisito la tedesca SensoMotoric Instruments, una società high-tech che ha sviluppato un sofisticato sistema di tracciamento degli occhi destinato alla Realtà Virtuale.

Attraverso una complessa procedura fatta di società fittizie e scatole vuote, Cupertino ha messo le mani su una società che ha sviluppato una speciale tecnologia di tracciamento oculare che sarà fondamentale per la Realtà Virtuale nel mondo mobile. L'acquisizione sarebbe stata finalizzata in gran segreto lo scorso maggio, e da allora molte cose sono cambiate.

Di recente, per esempio, diverse teste sono saltate presso SMI; e decine di pagine descrittive sulla ricerca e sui prodotti offerti sono state epurate dal sito ufficiale. La soffiata è giunta per voce di un dipendente Apple stesso e confermata solo di recente da una portavoce, ma già da tempo SMI non risponde più ai vecchi e ai nuovi clienti: è come se all'improvviso si fosse arroccata e avesse chiuso a ogni contatto esterno.

La tecnologia messa a punto da SensoMotoric consente di tracciare e prevedere i movimenti delle pupille dell'utente in occhiali tipo Oculus Rift, il che a sua volta permette di concentrare le risorse di calcolo (e migliorare la qualità del rendering) nel punto esatto in cui l'utente sta guardando: cioè fa sì che in ogni momento l'utente sperimenti la qualità migliore possibile di Realtà Virtuale, anche su dispositivi dotati di potenza limitata come uno smartphone.

Fuori dal punto di fuoco, viene mostrato solo un rendering approssimativo e rapido; nulla viene renderizzato invece al di fuori del campo di fuoco.

Ma questa soluzione ha molti altri scopi: ad esempio, si può usare per controllare pulsanti e menu nella Realtà Virtuale, semplicemente puntando su di essi lo sguardo.

Che senso avrebbe, ci domandiamo, un'acquisizione simile se Apple non stesse davvero lavorando ad un paio di occhiali a Realtà Virtuale/Aumentata come vociferano i rumors da mesi? È evidente che la mela stia seriamente valutando la possibilità, e l'entrata di SMI tra le falangi di Cupertino non fa che confermare la bontà della ricerca sin qui condotta.

Non sappiamo se e quando un prodotto finito farà capolino nei negozi, ma una cosa è certa: Apple sta seriamente investendo nel progetto, e questo implica che potrebbero esserci novità molto presto, magari già con iPhone 8 in autunno.

  • shares
  • +1
  • Mail