Siri Speaker, per Phil Schiller deve essere collegato ad una TV

siri-smart-speaker-solo-780x505.jpg

Aggiornamento dell'8 maggio 2017

Durante una intervista a Gadgets 360, il senior vice presidente del marketing Apple Phil Schiller si è insolitamente sbottonato su Siri Speaker, spiegando che un dispositivo simile beneficerebbe dalla presenza di uno schermo.

Un conto è l'uso handsfree, ha affermato, tipo Siri in auto. E un conto è l'uso di uno smart speaker in un ambiente domestico. "Per esempio," ha dichiarato, "se stai guidando e vuoi che Siri faccia il lavoro per te senza guardare lo schermo, è la cosa migliore. O magari, in una stanza, se chiedi a Siri di cambiare canzone. Dunque ci sono momenti in cui un assistente vocale porta benefici reali, ma ciò non implica che non vorresti mai guardare uno schermo. Anzi, l'assenza di schermo non credo funzioni nella maggior delle situazioni. Per esempio, se mi servono delle indicazioni stradali con Mappe, Siri mi può fornire le informazioni a voce e questo è comodo, ma sarebbe ancora meglio se potessi vedere le mappe, vedere gli incroci in arrivo, in punti di congestione e così via: mi permetterebbe di capire meglio il mio viaggio."

E stessa storia per quanto concerne giochi e app social. "Non ho ancora visto ad oggi giochi a comandi vocali che risultino divertenti come quelli a cui gioco su schermo. Per cui ritengo che gli assistenti vocali siano incredibilmente potenti, e che la loro intelligenza sia destinata a crescere, che faranno sempre di più per noi, ma il ruolo dello schermo continuerà a restare fondamentale per molti di noi."

Come dire, un Siri Speaker basato solo su voce tipo Amazon Echo non ha senso per Apple. Un dispositivo come Apple TV, collegato alla tv di casa, invece, ne avrebbe molto di più. E forse alle medesime conclusioni sono giunti gli ingegneri di Amazon, visto che la prossima generazione di Echo pare avrà schermo e videocamera integrata.

Siri Speaker, Apple dà inizio alla produzione per il WWDC 2017


amazon-echo.jpg

Aggiornamento del 4 maggio 2017
Lo speaker intelligente col cuore di Siri sta per arrivare sul serio, e prima di quanto non credereste possibile. Apple ha dato il via alla produzione di Siri Speaker.

Secondo il quotidiano economico cinese Economic Daily News, Apple avrebbe messo a punto le specifiche finali del prodotto e avrebbe già commissionato a Inventec la produzione; Inventec è il partner che già si occupa della produzione degli auricolari wireless AirPods.

Purtroppo, non si conoscono numeri né dettagli sul ciclo di consegne, il che rende complicato stimarne l'uscita sul mercato. Ma i rumors precedenti, e la scarsa complessità del dispositivo, lasciano immaginare che possa essere pronto in tempo per una presentazione ufficiale alla prossima conferenza Apple degli sviluppatori, il WWDC 2017 del prossimo giugno.

Secondo le indiscrezioni più affidabile -che trovate qui di seguito- pare che il Siri Speaker avrà un design più "tozzo" rispetto a Google Home; è mistero tuttavia su feature e sull'eventuale presenza di fotocamere. L'unica certezza è che avrà un output audio di tutto rispetto.

WWDC 2017: Apple potrebbe lanciare Siri Speaker, l'assistente da salotto


siri-smart-speaker.jpg

Una delle novità attese per il prossimo WWDC 2017? Siri Speaker, l'assistente virtuale Apple in versione da salotto. Dovrebbe avere un design tipo Mac Pro.

È da tanto che si parla di uno speaker intelligente, simile a Amazon Echo, con la mela sopra, e forse stavolta ci siamo. A Cupertino stanno prendendo seriamente in considerazione la possibilità: lo rivela Ming-Chi Kuo di KGI Securities, secondo cui c'è almeno il 50% di possibilità di un lancio entro un mese circa.

Un dispositivo simile costerebbe più dei 179$ di Amazon Echo, e giungerebbe sugli scaffali dei negozi non prima della seconda metà del 2017; fornirà supporto ad AirPlay e garantirà "eccellenti prestazioni acustiche" grazie al suo woofer e ai 7 tweeter, oltreché un potere computazionale paragonabile all'iPhone 6/6S.

La notizia non è una novità assoluta, né costituisce una possibilità troppo remota. Solo una settimana fa, il sempre ben informato Sonny Dickson parlavano di uno speaker intelligente Beats col cuore di iOS, design a forma di Mac Pro e controlli fisici posti in cima al dispositivo.

Le feature definitive non sono ancora note, ma qualcosa inizia a trapelare: alcuni dei prototipi sono già in fase di test avanzato almeno dallo scorso settembre, e in qualche caso possiedono perfino una telecamera per il riconoscimento avanzato dei volti oltreché dell'impronta acustica. In ogni caso, non manca ancora molto alla verità: il WWDC 2017 si terrà tra il 5 ed il 9 giugno a San Jose.

  • shares
  • Mail