Modalità Notturna, Attivare Night Shift anche su Mac


Aggiornamento del 13 marzo 2017

Se avete installato la Beta Pubblica di macOS 10.12.4 (qui vi spieghiamo come fare), e non appena avrete a disposizione la versione definitiva, potrete finalmente attivare Night Shift anche su Mac: via Centro Notifiche, Preferenze di Sistema o Siri.


  • Via Centro Notifiche: Basta spostare il cursore del mouse verso l'estrema destra dello schermo per aprire il Centro di Controllo; nella vista Oggi, proprio sopra a Non Disturbare, troverete l'interruttore per attivare o disattivare la feature al volo.

  • Chiedete a Siri: Basta dire 'Attiva Night Shift' e il gioco è fatto.

  • Preferenze di Sistema: In Preferenze di Sistema > Monitor > Night Shift troverete una pletora di opzioni che vi permetteranno di regolare tutti gli aspetti della Modalità Notturna: la temperatura del display e gli orari a cui deve attivarsi/disattivarsi.

macOS 10.12.4 Beta porta Night Shift anche su Mac


nightshift.jpg

Oltre a iOS 10.3, Apple ha distribuito anche la prima Beta di macOS 10.12.4. La novità più intrigante è l'arrivo di Night Shift anche su Mac.

Introdotta dapprima con iOS 9.3, Night Shift consente di virare gradualmente i colori dello schermo verso tonalità più calde alla sera, così da con conciliare il sonno e predisporre al riposo. Colori troppo freddi come quelli che si vedono all'alba, infatti, rischiano di scompigliare il ritmo circadiano umano e rendere più difficile l'assopimento.

La funzionalità si attiva nella vista Oggi nel Centro di Controllo; le opzioni di configurazione, invece, sono disponibili nella sezione Monitor in Preferenze di Sistema. Qui è possibile impostare l'attivazione di Night Shift al tramonto e la disattivazione all'alba, oppure si può creare una scaletta personalizzata. C'è ovviamente un cursore che permette di regolare la temperatura dello schermo.

In precedenza, gli utenti Apple erano costretti a ricorrere ad app di terze parti come F.lux per ottenere il medesimo scopo; ora invece è tutto integrato direttamente nell'OS. Al momento, la Beta è disponibile solo per gli sviluppatori, ma è probabile che nelle prossime ore sarà pubblicata anche la versione pubblica per gli utenti più avventurosi.

  • shares
  • Mail