Chiudere tutte le app su iPhone? Non serve a risparmiare batteria

batteria_carica_iphone

Molti utenti iPhone sono convinti che la chiusura manuale di tutte le app aperte contribuisca a risparmiare preziosa autonomia. La smentita ufficiale arriva addirittura da Craig Federighi, il vice presidente senior dello sviluppo software Apple.

Quando Caleb ha scritto a Tim Cook chiedendo se fosse davvero utile e "necessario per la vita della batteria" chiudere le app una a una, mai si sarebbe aspettato una mail addirittura da Craig Federighi. La risposta - un secco "no e no"- ha smontato in un colpo solo sei anni di miti su iOS, più o meno da quando esiste il multitasking.

In realtà, chiudere e riaprire un'app non soltanto è inutile dal punto di vista del risparmio energetico, ma può trasformarsi in un boomerang e addirittura peggiorare la situazione:

iOS chiude automaticamente le app quando ha bisogno di più memoria, per cui state di fatto facendo qualcosa che il vostro dispositivo già fa per voi. Voi siete gli utenti del dispositivo, non i suoi genitori. La verità è che queste app nel menu multitasking non stanno realmente girando in background: iOS le congela dopo l'ultimo utilizzo, così che sia pronta per un nuovo uso quando tornate.
A meno che non abbiate attivato Aggiornamento app in background, alle vostre app non è consentito girare in background a meno che non stiano riproducendo musica, utilizzando i servizi di localizzazione, registrando audio o la più sfuggente di tutte: che non stiano controllando l'arrivo di chiamate VoIP come Skype. Tutte queste eccezioni, o parte l'ultima, faranno comparire un'icona vicino all'icona della batteria per avvisarti che stanno girando in background.

In realtà, sappiamo che esistono alcune eccezioni a questa regola generale. L'app di Facebook, per esempio, tende a eludere questi meccanismi e a consumare più batteria del dovuto, tant'è che è stato pubblicato un update di recente per correggere questa anomalia.

Ma si trattava di un difetto di programmazione, dovuto all'audio dei video sulla piattaforma social che continuava a essere riprodotto in silenzio anche dopo la chiusura dell'app; in altre parole, era un bug e non la norma. E se non siete convinti, date un'occhiata alle app che consumano di più, seguendo la guida qui di seguito: potreste scoprire delle sorprese, tipo che l'app che usate maggiormente è la Home Screen.

Vota l'articolo:
4.00 su 5.00 basato su 262 voti.  
  • shares
  • +1
  • Mail