Apple Vs. FBI, Snowden: "Le richieste dell'FBI sono tutte str..."

Nuovo capitolo della vicenda che vede contrapposte Apple e l'FBI. Intervenendo (virtualmente) in una conferenza sulla sicurezza USA, l'informatore della NSA Edward Snowden ha spiegato che le richieste dell'FBI sono strumentali: non serve Apple per sbloccare un iPhone.

Gli esperti sono tutti d'accordo. Non è necessario creare una backdoor, una versione speciale di iOS, o rinunciare alla crittografia forte, per accedere ai dati di un iPhone; quel che l'FBI intende sul serio ottenere, invece, è una vittoria in tribunale, un precedente che sancisca la legittimità di questo tipo d'interventi. E se non ci credete, pensate ai chioschetti di Schenzhen che per 90€ portano la memoria di un iPhone a 128GB e ci riversano sopra tutti i dati del vecchio chip NAND. Dati che in teoria sarebbero inviolabili.

E ad aggiungere benzina sul fuoco, ci si mette ora anche Edward Snowden, secondo cui le richieste dell'FBI, e la pretesa che Apple sia l'unica a possedere "i mezzi tecnici" per sbloccare un iPhone "rispettosamente, sono tutte str...."

Il governo, in altre parole, sta mentendo ai cittadini: Apple non è tecnicamente fondamentale per lo sblocco; serve piuttosto che si pieghi perché passi un certo messaggio. Potete ascoltare parte del discorso di Snowden nel video in cima al post; buona visione.

snowden-780x439.jpg


Vota l'articolo:
4.00 su 5.00 basato su 26 voti.  

I VIDEO DEL CANALE TECNOLOGIA DI BLOGO