Apple Watch, restituiscono scatole "mai aperte" ma è una truffa

truffa_applewatch.jpg

I loschi figuri che vedete qui in cima al post hanno un brutto vizietto: riportano al negozio scatole "mai aperte" di Apple Watch che poi vengono rivendute. E dentro, l'orologio non c'è.

Il dipartimento di polizia di Encinitas, in California, sta dando la caccia a due truffatori capaci di trasformare fazzoletti di carta e boccette d'acqua in un sacco di soldi. Tant'è che le autorità offrono fino a 1.000 dollari di ricompensa a chiunque saprà fornire informazioni a riguardo.

D'altro canto, i dispositivi Apple generano sempre un bel ritorno economico, ed ecco perché su queste pagine abbiamo parlato in diverse occasioni di argomenti simili; ricorderete forse le truffe sui ricambi iPhone, o quelle dei rivenditori di iPod. E come dimenticare il tizio che vendeva scatole autentiche di iPad con dentro Play-Doh?

In ogni caso, il duo in questione acquista Apple Watch e poi li rivende trattenendo la confezione; poi, infila al suo interno immondizia per raggiungere il peso desiderato; infine, impacchetta tutto di nuovo, e lo riporta al negozio in condizioni formali identiche all'originale. Dopo il rimborso, la scatola viene poi rimessa in magazzino e venduta a qualche ignaro acquirente che a casa trova la brutta sorpresa.

Secondo gli inquirenti, il giochetto gli ha fruttato almeno 5.200$ di rimborsi, cui si aggiungono le vendite in nero di Apple Watch. Per un totale di circa 20 modelli Sport.

Il problema è che i tizi cambiano continuamente città, e si spostano tra la California e il Nevada, rendendo molto difficile la loro identificazione. A volte ci domandiamo: ma se tutta questa fatica e questo ingegno fossero impiegati per qualcosa di positivo e legale, non farebbero prima? Tra l'altro, senza il notevole handicap dell'essere un ricercato della polizia.

Vota l'articolo:
4.00 su 5.00 basato su 16 voti.  

I VIDEO DEL CANALE TECNOLOGIA DI BLOGO