Apple Watch gli salva la vita, e Tim Cook lo chiama al telefono

AppleWatch SalvaVita

Apple Watch ha salvato un'altra vita. Stavolta è accaduto a Paul Houle, un giovane giocatore di football del Massachusetts, e se non fosse stato per il suo orologio, ora sarebbe probabilmente morto. Ecco perché si è attivato addirittura Babbo Natale Tim Cook.

Dopo il consueto allenamento, Paul Houle ha iniziato ad avvertire alcuni sintomi a cui tuttavia non ha dato grosso peso: dolori al petto mai provati prima e fastidi sul retro quando inspirava profondamente. Non era semplice affaticamento, però:

"Dopo l'allenamento mi sono fatto una dormita, ma il cuore batteva ancora a 145 battiti al minuto." Allora è andato in Ospedale, dove ha appreso di avere cuore, fegato e reni sull'orlo del collasso; una condizione potenzialmente fatale, se non fosse stato per il suo orologio.
"Se il mio Apple Watch non mi avesse mostrato un battito da 145, probabilmente avrei ignorato la cosa."

La diagnosi è preoccupante: rabdomiolisi, un danno molto grave al muscolo scheletrico che porta alla rottura delle cellule e al versamento nel flusso ematico delle sostanze contenute nella muscolatura. "All'Ospedale, mi hanno detto che se mi fossi allenato anche il giorno dopo, avrei perso il controllo di tutti i miei muscoli, e probabilmente mi sarei accasciato su di me e sarei morto in campo. Sono molto grato al sensore cardiaco."

Dopo questo evento, ne sono accaduti altri in cascata: Tim Cook, ha contattato al telefono il ragazzo per offrirgli un iPhone nuovo di zecca e uno stage a Cupertino l'anno prossimo; intanto, il padre di Paul -che aveva considerato l'acquisto di Apple Watch una inutile spesa- ne ha comprati altri due: uno per lui e uno per la moglie.

  • shares
  • +1
  • Mail