iPhone 7, Apple abbandonerà Samsung per il chip A10

apple-a10-600-e1442920502663-5a6c2f5615db574aa7b36733f1397dbec.jpg


Aggiornamento dell'11 febbraio 2016, a cura di Giacomo Martiradonna

Alla fine Apple ci è riuscita sul serio. Dopo anni di tentativi e investimenti, per la prima volta nella sua storia inizia ad affrancarsi dalla nemica Samsung. Il chip A10 di iPhone 7, infatti, sarà prodotto esclusivamente da TSMC.

Apple è riuscita a abbandonare Samsung per uno dei componenti chiave di iPhone: il microprocessore. L'intera commessa, infatti, andrà a aTaiwan Semiconductor Manufacturing Company (TSMC) grazie ai suoi nuovi impianti di produzione a 10 nanometri e alle migliori tecnologie di packaging del chip che consentono di ottenere più prestazioni ed efficienza della batteria.

La produzione, riporta l'Electronic Times, inizierà lentamente nella seconda metà del 2016 e andrà a pieno regime per il 2017; il che significa che, in assenza di ulteriori novità, iPhone 7 arriverà sul mercato col contagocce più che coi predecessori.

Fino ad oggi, Apple si era servita sia di Samsung che di TSMC per i processori del suoi smartphone, ma già con iPhone 6s si può misurare una sensibile differenza nella durata della batteria tra l'A9 sfornato da Samsung e quello di TSMC. E ora, dopo tanti sforzi in questo senso, la società sud coreana viene definitivamente bandita dal banchetto.

Apple A10, primi rumors sul nuovo chip esa-core

apple-chip-a9.jpg

Non sono passate nemmeno due settimane dalla presentazione dei dispositivi Apple di nuova generazione ed iPhone 6s e 6s Plus non hanno ancora cominciato a raggiungere gli acquirenti che li hanno prenotati (solo alcuni pochissimi fortunati). In compenso, come sempre, l'inarrestabile macchina dei rumors comincia macinare informazioni sul futuro.

Il chip A9 che si trova nei nuovi iPhone e iPad offre, sulla carta, prestazioni superiori del 70% rispetto a quelle del suo predecessore, l'A8. Naturalmente è ancora impossibile dire quanto il suo successore, il SoC A10, sarà più potente, ma le ultime indiscrezioni offrono qualche informazione preliminare.

Tanto per cominciare il chip A10, che dovrebbe sostituire l'A9 nei nuovi iDevices tra circa un anno, vedrà un upgrade nel numero dei core passando da un quad-core ad un esa-core. Ovviamente Apple si concentrerà, come sempre, sull'ottimizzazione in particolare per quanto riguarda le operazioni multi-threading.

Stando a quanto riportato a produrre i chip saranno Samsung e TSCM, già partner di Apple in questo ambito, ma alla lista potrebbe aggiungersi anche Intel nel caso la società di cupertino dovesse decidere di rivolgersi al processo produttivo a 14nm oltre a quello a 10nm.

Trattandosi di voci di corridoio il tutto va accolto con la solita buona dose di scetticismo ma la fonte da cui provengono i dettagli si è dimostrata affidabile in passato.

Vota l'articolo:
4.00 su 5.00 basato su 197 voti.  
0 commenti Aggiorna
Ordina:

I VIDEO DEL CANALE TECNOLOGIA DI BLOGO