iPhone 6s, Apple dà inizio alla produzione

Apple ha dato inizio alla produzione della prossima generazione di iPhone in anticipo rispetto alle aspettative. Lo rivela una fonte molto attendibile.

iPhone-6S

Bloomberg non ha dubbi a riguardo: da Cupertino è partito l'imprimatur definitivo alla produzione di massa di iPhone 6s, e la caratteristica principale dei nuovi smartphone con la mela sarà il Force Touch, la tecnologia che permette di distinguere l'intensità del tocco sul display e che ha consentito ad Apple di lanciare una nuova serie di gesti.

I due telefoni manterranno invariata la grandezza del display, pari a 4,7" e 5,5", e anche il design complessivo dovrebbe rimanere per lo più simile ai modelli attuali. Questa indiscrezione cozza con la nota agli investitori diramata solo due settimane fa da Ming-Chi Kuo, secondo cui iPhone 6s (sempreché non si passi direttamente ad iPhone 7) avrà uno spessore maggiore di 0,2mm rispetto ad iPhone 6.

"Apple," scrive la testata economica, "ha dato inizio alla produzione anticipata dei nuovi modelli di iPhone con una feature chiamata Force Touch, capace di interpretare la quantità di pressione degli utenti su uno schermo [...]. La produzione di massa è prevista prestissimo, già per il mese prossimo."

Tra l'altro, poiché non ci saranno grosse novità di rilievo, né a livello di feature che a livello di design esteriore, non si prevedono intoppi o rallentamenti degni di rilievo; insomma, se tutto va come sembra, il nuovo telefono sarà disponibile in quantità da subito, e in tutti i mercati contemporaneamente.

Stando agli altri rumors sull'argomento, iPhone 6s disporrà di una fotocamera da 12 Megapixel, di nuove opzioni di colore e avrà una scocca molto più resistente costituita di alluminio serie 7000.

  • shares
  • Mail