OS X 10.7.4 aggiorna molte icone di sistema a HiDPI


Come noto, Cupertino sta portando avanti da tempo un certosino lavoro di ottimizzazione di OS X in vista dell'avvento definito dei Mac col Retina Display. In seguito all'update a OS X 10.7.4 rilasciato solo pochi giorni fa, molte applicazioni di sistema sono state aggiornate con icone ipertrofiche che raggiungono l'incredibile risoluzione di 1024x1024 pixel.

Facciamo un esempio. Se sotto OS X 10.7.3, l'icona di TextEdit includeva le dimensioni 16x16, 32x32, 128x128 e 512x512, in OS X 10.7.4 le varianti supportate salgono addirittura a dieci: 16x16, 32x32 HiDPI, 32x32, 64x64 HiDPI, 128x128, 256x256 HiDPI, 256x256, 512x512 HiDPI, 512x512 e infine 1024x1024 HiDPI. Anche Automator ha subìto delle modifiche analoghe, anzi, per l'occasione è stato rivisto pure nel design complessivo, che ora sfoggia toni più scuri e in generale un look più realistico. In questo caso, tuttavia, siamo passati da quattro dimensioni di base a sei soltanto: 16x16, 32x32, 128x128, 256x256, 512x512 e 1024x1024 HiDPI.

Ovviamente il peso delle icone è aumentato un po' ovunque per effetto della novità; Textedit è quella che ha fatto il balzo più sostanziale, dai precedenti 209 KB a ben 1,7 MB, ma non è la sola. Rubrica Indirizzi, ad esempio, è passata da 279 KB a 484 KB mentre Dashboard da 130 KB ha raggiunto i 226 KB; in ogni caso, per nessuna di queste ultime è stato implementata un'icona a 1024x1024 HiDPI.

Come in passato, nessuna enfasi è stata data ufficialmente a questi piccoli interventi sotto al cofano, ma è evidente che siano volti alla creazione di quel MacBook Pro Retina con risoluzione del display pari a 2880x1800 pixel di cui si parla da tempo. Così come avviene su iOS, tuttavia, una maggiore estensione delle icone non si traduce direttamente in una quantità maggiore di spazio occupata su schermo. Le dimensioni fisiche degli elementi grafici restano le stesse; ciò che cambia è solo la densità dei dettagli.

  • shares
  • +1
  • Mail
3 commenti Aggiorna
Ordina: