Ecco perché iPhone 5 potrebbe essere waterproof


Al Mobile World Congress 2012 di Barcellona, quelli di Cult of Mac hanno avvicinato gli addetti negli stand di HzO, e, sebbene abbiano ricevute risposte piuttosto generiche, confermano l'impressione che presto i dispositivi Apple possederanno tutti tecnologie super-idrorepellenti. Col prossimo iPhone, insomma, niente più pericoli da immersione accidentale nei liquidi.

Tutto era cominciato durante lo scorso CES di Las Vegas, quando HzO presentò una particolare tecnica che consente di impermeabilizzare la componentistica intera degli iPhone e che ha subito attirato l'interesse di Cupertino. Interrogati sulla vicenda, i membri del team di HzO hanno confermato tra le righe il rapporto continuo con la mela:

Molti degli accordi che abbiamo coi partner ci impediscono di parlare dei futuri dispositivi. [...] In generale però, ci vogliono almeno sei mesi o più dalla firma del contratto con un partner per arrivare al rilascio di un dispositivo che usi la nostra tecnologia. E visto che neppure si parlava di questa tecnologia sei mesi fa, ci vorrà un po' prima di vedere comparire nel mercato i primi telefoni con HzO. Speriamo di assistere ai primi annunci durante questa settimana al Mobile World Congress, visto che alcuni di questi arriveranno più tardi nel corso dell'anno.

Come dire, niente iPad 3 impermeabile, ma un iPhone 5 waterproof molto probabilmente sì. Tanto più che alcune società come Liquipel già vendono per $59 un servizio di impermeabilizzazione dei gadget elettronici che funziona magnificamente, e senza la necessità d'intervenire durante il processo di produzione. I tempi sono maturi, insomma; vediamo se Apple mangerà la foglia.

Per le altre notizie live da Barcellona, seguite il tag Mobile World Congress su Mobileblog.

  • shares
  • Mail
7 commenti Aggiorna
Ordina: