Apple voleva AMD per il suo MacBook Air


Ricorderete senza dubbio quando, lo scorso novembre, parlammo della possibilità che i MacBook Air adottassero l'architettura Fusion di AMD. Ora scopriamo interessanti retroscena su quanto è accaduto: in pratica eravamo vicinissimi all'accordo, senonché l'hardware fornito a Cupertino si era dimostrato decisamente troppo difettoso per i gusti della mela.

Di questo pezzetto di storia dell'informatica parla Forbes in un recente articolo. Da principio lo scorso anno Apple aveva dimostrato enorme interesse per la combinazione di CPU e GPU di Llano Fusion, ma la lentezza nel fornire l'hardware di prova nonché l'alto tasso di difetti riscontrato in fase di pre-produzione hanno allontanato definitivamente la mela:

AMD ha lottato col suo modello "fabless" per riuscire a ottenere processori "fusion" che combinassero CPU e GPU in un solo chip. Su carta si trattava d'una idea promettente. Un processore per notebook chiamato "Llano" è stato studiato da Apple per un aggiornamento all'ultralight MacBook Air, in programma per il lancio di metà 2011. Il problema è che AMD non riusciva a fornire campioni funzionanti di Llano in tempo, ha affermato un ex-dipendente. Diversi ex-dipendenti si trovano in disaccordo su quanto ci era andata vicina AMD ma uno afferma "Ce l'avevamo fatta." Peccato che troppe parti del chip Llano fossero difettose. Così AMD perse il contratto.

A quel punto, AMD propose anche la familia Brazos dei sistemi Fusion da montare sulle Apple TV, ricevendo tuttavia un pronto diniego. Secondo la visione dei manager e degli ingegneri Apple, un eventuale passaggio ad AMD avrebbe apportato significativi vantaggi per l'utenza, soprattutto per quanto concerne la potenza d'elaborazione grafica, da sempre il tallone d'Achille di Intel. La storia, tuttavia, ha seguito un altro corso.

  • shares
  • Mail
4 commenti Aggiorna
Ordina: