Slavina di brevetti per Apple su app, multi touch e hardware


E' stata un'incursione piuttosto proficua, l'ultima avvenuta all'ufficio brevetti statunitense: Apple si è infatti accaparrata la paternità e i diritti su una serie di invenzioni più o meno importanti, ma tutte estremamente distintive dell'ecosistema con la mela. Spaziamo dai metodi di riconoscimento del tocco nella tecnologia multi touch all'icona di Youtube in iOS, dall'Apple battery charger a Photo Booth, presente in ogni Mac e dispositivo iOS. E per finire un'app mai rilasciata, dedicata a centri fitness e palestre.

Il primo e più importante brevetto della carrellata descrive la tecnologia utilizzata per riconoscere i punti di contatto con le dita sui dispositivi mobili di Cupertino, e si ricollega a quei "200 e più brevetti" di cui Jobs si vantava alla presentazione dell'iPhone originale. Una differenza di tutto rispetto, soprattutto se consideriamo che al multi touch capacitivo della mela (che consente di registrare anche la vicinanza allo schermo e distinguerla dal tocco diretto) la concorrenza opponeva inizialmente schermi resistivi single-touch. Si tratta di un'importante conquista accreditata a Thomas Wilson e capace di determinare la vittoria in eventuali diatribe legali sulla faccenda.

Ma un paio di brevetti sono stati riconosciuti anche sul design di altrettanti prodotti, ovvero il caricabatterie Apple -che poi sarebbe un Sanyo Eneloop riprogettato da Jonathan Ive- e la tv retrò utilizzata nell'icona di Youtube in iOS. Un brevetto tuttavia se lo aggiudica anche Photo Booth, la popolare app di distorsione delle immagini in tempo reale presente sui Mac con iSight, alla cui creazione ha partecipato fra l'altro il vice presidente dello sviluppo di iOS Scott Forstall.

Infine, Apple si è aggiudicata un brevetto per un'app iOS dedicata ai centri fitness e ai loro clienti. Il software è in grado di coprire tutti gli aspetti gestionali tipici di una palestra, incluse le notifiche di offerte speciali o sconti; sono previsti gli accessi gratuiti per i nuovi utenti, i calendari per le lezioni, le feature interattive per pavoneggiarsi virtualmente con gli amici e tonnellate di tutorial sugli strumenti ginnici e le relative tecniche d'uso. Non mancano ovviamente gli strumenti di geolocalizzazione per raggiungere la palestra o i negozi affiliati nei dintorni. Tuttavia quest'app, firmata da Stanley Ng e Michael Hailey e depositata nel 2009, non ha ancora debuttato nel mondo reale.

  • shares
  • Mail
10 commenti Aggiorna
Ordina: