Come navigare su Internet con un Mac Plus del 1986

Ecco cosa succede quando la nostalgia corre a briglia sciolta ed a questa piccola, divertente, follia vengono forniti gli strumenti per collegare al Web un vecchio Mac Plus del 1986.


Non giunge affatto come una novità, né come una stranezza, reperire su Internet i risultati ed il resoconto completo di qualche esperimento strambo o dello sviluppo di qualche idea bizzarra; dopotutto è da questi che spuntano gli aneddoti migliori ed il Web offre uno strumento incomparabile per condividerli.

Jeff Kreacher scrive per The Kernel, ed ha deciso di imbarcarsi in un'impresa a tratti frustrante ma indubbiamente soddisfacente: connettere un vecchio Mac Plus del 1986 alla moderna rete Internet.

Naturalmente il racconto comincia con un trip nostalgico. Al momento del suo lancio, 27 anni or sono, il Macintosh Plus era, ovviamente, il più potente in commercio ed apriva le porte all'avvento della connettività sebbene in modo molto limitato e passivo.

Una CPU a 8 MHz, 4MB di RAM, un HDD da 50MB ed un display con una risoluzione di 512x384 pixel sembrano quasi inconcepibili al giorno d'oggi ma Keacher ha deciso di tornar a far risplendere il suo cimelio per qualche attimo.

Dopo aver riesumato la macchina, ed a seguito di qualche intoppo, Keacher ha raccolto le prime due componenti del progetto: MacWeb 2.0 come web browser e MacTCP per i protocolli TPC, entrambi a cavallo tra due epoche.

A fare da ponte tra il vecchio Macintosh ed il mondo esterno è stato un comodissimo Raspberry Pi non essendo il MacPlus dotato di porte ethernet. Il tutto ovviamente passando attraverso una non indifferente schiera di problemi di vario genere.

Alla fine, però, sviluppatore e MacPlus sono riusciti a spuntarla raggiungendo il Web: il vecchio Macintosh è stato in grado di navigare attraverso la rete in maniera “sorprendentemente decente, quasi come un mobile browser”. È stato anche lento, in maniera scontata.




  • shares
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina: