MacBook 12", limiti e potenzialità della porta USB-C

La porta USB-C dei nuovi MacBook 12" presenta molte limitazioni, ma al contempo apre una marea di possibilità inedite per il mondo Apple.

porta_USBC_macbook12


Fino ad oggi, i Mac adottavano un sistema di ricarica proprietario che Apple ha storicamente sempre difeso con le unghie e coi denti, impedendo alle società di terze parti la produzione di accessori compatibili. Motivo per cui, le cinesate MagSafe che si trovano su eBay non hanno ricevuto l'avallo ufficiale di Cupertino. Ma le cose sono destinate a cambiare drasticamente, ora che coi nuovi MacBook 12" si è passati ad un connettore standard di tipo USB-C.

USB-C utilizza un connettore che somiglia molto a Lightning, anch'esso piccolo e reversibile. Ma a differenza di Lightning, non richiede una licenza ufficiale da parte di Apple, né il pagamento di un obolo, poiché è una connessione standard ratificata ad agosto 2014 e capace di trasferire dati fino a 5GB massimi teorici. Il protocollo 3.1 supporta VGA e HDMI, e può fornire energia in modo bidirezionale: il Mac, in altre parole può ricevere energia e al contempo alimentare altre periferiche dalla medesima porta.

I primi acquirenti del nuovo MacBook di sicuro vedranno questa feature come una pesante limitazione; dovranno scegliere di volta in volta se ricaricare il computer oppure collegarvi hard disk o penne. E tra l'altro, saranno pure costretti ad acquistare i costosi adattatori Apple per porta USB-C. Come quello qui sotto, già disponibile su Apple Store all'incredibile cifra di 89€:

USB-C_Adattatore_Apple

Per fortuna, ben presto arriveranno sul mercato tonnellate di nuovi adattatori, hub e accessori compatibili per tutte le tasche. E c'è da scommettere che anche altre società seguiranno le orme della mela, e sceglieranno USB-C, decretando di fatto la nascita di un nuovo standard universale.

Insomma, se tutto va come si spera, finiranno i giorni dei caricabatterie MagSafe, MagSafe 2, USB, Lightning, Micro-USB e così via; in borsa porteremo solo un adattatore, e con quello caricheremo tutto. Mac o Windows che sia.


Vota l'articolo:
4.00 su 5.00 basato su 74 voti.  

I VIDEO DEL CANALE TECNOLOGIA DI BLOGO