Logitech molla la Google TV, Sony sfida il televisore Apple


A volte non basta inventarsi un prodotto innovativo per ottenere il successo di vendite sperato, lo sanno bene i produttori di televisori 3D o le aziende che hanno seguito Google nell'avventura della Google TV, come Logitech e Sony.

Guerrino De Luca, CEO di Logitech, ha dichiarato che non ci sono piani per realizzare un nuovo Revue, il set top box per la Google TV lanciato in fretta e furia per il periodo natalizio dello scorso anno al prezzo di 300$, una cifra evidentemente troppo elevata al punto che a luglio di quest'anno Logitech ha abbassato il prezzo a 99$. De Luca sostiene che la commercializzazione del Reveu sia stato un grosso errore e che l'azienda abbia perso 100 milioni di dollari, poiché la Google TV non è un prodotto maturo e forse lo sarà solo tra qualche anno.

Anche la Internet TV, l'implementazione di Sony della Google TV, non deve essere stata un grosso successo visto che Howard Stringer, CEO di Sony, ha dichiarato che ha passato gli ultimi 5 anni a progettare una piattaforma unica per fornire servizi a smartphone, tablet, computer e televisori in modo da competere con Steve Jobs. La piattaforma è stata realizzata ed è pronta per il lancio.

Stringer fa chiaramente riferimento alla visione di Steve Jobs sul televisore del futuro, lasciando intendere che Sony avrebbe investito molte energie nella ricerca e nello sviluppo di un ecosistema come quello di Apple.

Le caratteristiche di questi nuovi televisori Sony non sono ancora state svelate, ma difficilmente potranno competere con il fantomatico televisore Apple, utilizzabile con comandi vocali e gesti nell'aria, se faranno ancora affidamento su un telecomando pieno zeppo di tasti come quello della Google TV.

[via macrumors]

  • shares
  • Mail
12 commenti Aggiorna
Ordina: