Film su Steve Jobs: volano stracci mentre spunta il nome di Tom Cruise

Il film su Steve Jobs di Sony sembra funestato da una maledizione. E mentre crescono i dissapori interni, qualcuno fa il nome di Tom Cruise nei panni dell'iCEO.

tomcruise


Due settimane fa circa, degli hacker hanno attaccato e messo a soqquadro i server di Sony Pictures, acquisendo oltre 100 terabyte di informazioni riservate, email, numeri di sicurezza sanitaria, film, copioni e molto altro. Tra i vari dati, sono state scovate anche delle mail sul film riguardante la vita di Steve Jobs che Sony stava producendo prima di passarlo in blocco a Universal Studios. Gli elementi che emergono sono al limite tra l'isteria e il gossip, e coinvolgono pezzi grossi di Hollywood come Tom Cruise e Angelina Jolie.

Leggi su DownloadBloag le dichiarazioni dell'FBI: il cyber-attacco a Sony Entertainment è senza precedenti, e ora gli hacker minacciano i dipendenti Sony.

Lo scambio di mail tra la dirigenza Sony e il produttore Scott Rudin, pubblicato su Gawker, rivela che c'è molto astio tra le parti, soprattutto dopo che Angelina Jolie si è opposta alla scelta di David Fincher come regista del lungometraggio sull'iCEO; a quanto pare, l'attrice lo pretendeva alla direzione dela sua versione di Cleopatra, cosa che il management Sony ha bollato come il risutato della "pazzia e dell'ego scriteriato" della Jolie e Rudin come la fine della sua carriera a causa di una "viziatella senza il minimo talento."

In un'altra mail datata 31 ottobre, invece, si scopre che lo sceneggiatore Aaron Sorkin aveva inizialmente tifato per Tom Cruise nei panni di Steve Jobs, ipotesi che il direttore Danny Boyle vedeva con sospetto, vista l'età dell'attore.

Scopriamo così che il film coprirà 3 fasi e altrettanti lanci di prodotto della vita di Jobs e che, dall'alto dei suoi 52 anni, Cruise sarebbe perfetto per il terzo atto, laddove Seth Rogen (32 anni) rappresenterebbe il miglior compromesso per impersonare Steve Wozniak nel primo. Boyle non la pensava così, e rispose a Sorkin proponendo invece Michael Fassbender; e dopo un'iniziale ritrosia, la cosa fu accettata con relativo entusiasmo:

Sorkin rispose "Una volta questo era un evento. Non so chi sia Michael Fassbender e di sicuro non importerà al resto del mondo. È una pazzia." Ma nella mail successiva, aggiunse: "Al diavolo! È un grande attore ed è giunto il suo momento di dimostrarlo."

Il resto è storia. Sappamo che Sony Pictures ha incontrato grosse difficoltà nel mettere su il casting nel ruolo di Jobs, tant'è che sono stati tirati in ballo anche nomi del calibro di Leonardo Di Caprio e Christian Bale, anche se per il momento Fassbender resta il favorito. Sembra addirittura che Tom Hanks avesse espresso interesse per il ruolo di John Sculley, che invece dovrebbe andare a Jeff Daniels. Ma per ora è tutto assolutamente campato in aria, e i malumori nell'ambiente non lasciano presagire nulla di buono almeno per il momento.

Lungometraggio su Steve Jobs: 5 attori che potrebbero interpretarlo al Cinema

  • shares
  • Mail