Niente modem analogico Apple con Lion


In seguito alla segnalazione di 9to5Mac, abbiamo eseguito qualche test e possiamo confermare la notizia. Oltre a Rosetta, Front Row e diverse altre tecnologie obsolete, OS X Lion abbandona definitivamente il supporto all'Apple USB Modem. Ma non tutto è perduto.

Non era un gingillo propriamente economico e qualcuno probabilmente storcerà un po' il naso; non tanto per la navigazione analogica in sé (il WiFi, con importanti italiche eccezioni, è oramai praticamente ovunque nel mondo) quanto probabilmente per la perduta possibilità di inviarci i fax, ancora duri a morire nonostante mail certificate e sbandierate rivoluzioni di e-government.

La prova del nove, comunque, è facile da eseguire. Basta infilare in una presa USB il vecchio e minimalista modem analogico di Cupertino perché sul display compaia un avviso lapidario:


Non Supportato
Impossibile usare un modem USB Apple con questo computer

Ovviamente, la colpa non è del computer in sé quanto del Sistema Operativo che oramai opera a 64 bit nella maggior parte dei casi; il driver del modem, invece, è rimasto ancorato al Mac kernel a 32 bit. La soluzione provvisoria, a quanto si legge sui vari forum (per esempio qui e qui), consiste dunque nell'installazione manuale dei suddetti driver e in un boot a 32 bit: non proprio la panacea che in molti si aspettavano, ma meglio che niente. Se non altro, almeno a giudicare dai commenti degli utenti, c'è di buono che i modem analogici USB di terze parti sembrano ancora funzionare correttamente, ma è chiaro che ci troviamo di fronte all'ennesima piccola rivoluzione per il resto di noi. E voi, lettori di melablog, vi arrenderete al salto tecnologico oppure ricorrerete all'hack per ripristinare le funzionalità del vetusto modem? Ditelo qui sotto.

  • shares
  • Mail
22 commenti Aggiorna
Ordina: