Calano le vendite di iPad, per Tim Cook è solo un "incidente di percorso"

In una recente intervista, il CEO di Tim Cook ha definito la flessione delle vendite di iPad un semplice "incidente di percorso." Ma la mela ha bisogno di una novità, e l'iPad da 12" farebbe al caso suo.

ipad12

Durante la presentazione degli ultimi risultati fiscali, Apple ha annunciato vendite di iPad pari a 13,3 milioni di unità; si tratta di buoni numeri, in senso assoluto, ma certamente non all'altezza dei 14,6 milioni dell'anno prima, o addirittura dei 16,35 milioni del trimestre precedente. Nel secondo trimestre del 2013, invece, si raggiunse il record di 19,5 milioni di iPad consegnati. Ecco perché Tim Cook si è sentito in obbligo di spendere due parole per commentare il fenomeno, e il pensiero corre subito all'iPad da 12".

Leggi anche: iPad da 12,9 pollici a inizio 2015?

In una intervista a cura di Walt Mossberg, il CEO di Apple si è soffermato sulla flessione delle vendite, minimizzandolo:

In una breve intervista sui tablet che ho fatto questa settimana, Tim Cook ha dichiarato che "non potremmo essere più felici dei risultati raggiunti con iPad nei suoi primi 4 anni," aggiungendo che, "Definirei quel che sta succedendo un semplice incidente di percorso momentaneo, come ne ho visti in tante categorie di prodotto."

In totale, finora, Cupertino ha commercializzato la bellezza di 225 milioni di iPad nel giro di quattro anni, ma siamo solo all'inizio; per Cook, l'intero mercato è ancora "nella sua fanciullezza" e in questo senso assumono importanza vitale i piani futuri della mela. Cook ha parlato di "innovazioni significative" che saranno "portate su iPad" in tempi rapidi, e tra le novità più attese e vociferate c'è sicuramente l'arrivo di un modello da 12" destinato al mercato business ed enterprise.

Nonostante la contrazione delle vendite, Apple continua a restare il produttore più diffuso sul mercato, col 26,9% dell'intera torta a livello mondiale, e di sicuro quello coi clienti più appagati; la percentuale di utenti soddisfatta di iPad Air e iPad mini raggiunge infatti il 98%. E questo potrebbe contribuire a spiegare come mai la gente cambi il tablet con minore frequenza rispetto ad altri dispositivi; si tratta infatti di un problema che riguarda tutti, competitor inclusi: negli ultimi mesi, hanno registrato flessioni anche Microsoft e Samsung.

Nell'immediato, comunque, ci sono in arrivo nuovi iPad Air e iPad mini con display Retina, dotati di processore più performante e sensore di impronte Touch ID. Se questo basterà ad irretire i clienti, però, sarà solo il tempo a dirlo.

Come cambiano le cose in appena 5 anni: Quando l'iPad era solo un'indiscrezione su "iTablet"

  • shares
  • Mail