USPTO respinge parte del brevetto Apple sul sistema di auto-correzione

Nello svolgimento del secondo processo che vede affrontarsi Apple e Samsung l'US Patent & Trading Office ha respinto parte di un brevetto della società di Cupertino sul sistema di predizione del testo. Samsung chiede la revisione della sentenza.


Apple-vs-Samsung
Continua a protrarsi l'accesa battaglia legale tra Apple e Samsung che si affrontano a colpi di brevetti e rivendicazioni senza concedere alcun quartiere. Il primo capitolo dell'annosa guerra tra i due mastodontici produttori di elettronica da consumo si era concluso a favore della società statunitense ma la complessità della causa ha reso necessario l'avvio di un secondo procedimento.

Leggi anche: Apple chiede un nuovo processo contro Samsung: altri soldi e bando dei dispositivi

La seconda parte dello scontro verteva su cinque brevetti di Apple, relativi ad alcune funzioni dell'iPhone, che sarebbero stati violati da Samsung. La società di Cupertino ha chiesto come risarcimento più 2 miliardi di dollari e si è vista aggiudicare una cifra ben inferiore, pari a 119.625.000 dollari, per la violazione di tre dei cinque brevetti in causa.

Leggi anche: Apple VS. Samsung, gli esperti in causa spiegano i 2 miliardi di danni

Un nuovo elemento però potrebbe cambiare, almeno in parte, il corso degli eventi in favore di Samsung. In una recente richiesta presentata al tribunale la compagnia coreana ha riportato l'attenzione su uno dei tre brevetti incriminati, il documento 8,074,172 intitolato “Metodo, sistema e interfaccia grafica per fornire raccomandazioni sui vocaboli”.

In questa occasione entra in gioco anche l'US Patent and Trading Office, l'ufficio brevetti statunitense, sollecitato ad un riesame ex-parte del sopraccitato brevetto. L'attestato '172, come si può evincere dal titolo, riguarda il sistema di predizione e completamento del testo e secondo l'USPTO l'approccio presentato da Apple in alcuni dei punti del brevetto era già stato tentato da altri.

Samsung dunque spinge per la rivalutazione o l'annullamento delle rivendicazioni di Apple. Il “verdetto” dell'USPTO però non è definitivo e lascia spazio all'appello.

Le due società hanno da poco deciso di chiudere tutte le cause al di fuori degli Stati Uniti e di scontrarsi solamente nelle aule di tribunale americane ma la lotta non è affatto meno accesa.

Leggi anche: Apple e Samsung chiudono le cause legali al di fuori degli Stati Uniti

Via | fosspatents.com

  • shares
  • Mail