Apple aveva registrato un brevetto per un "diario di spostamenti" nel 2009

Scritto da: -

Brevetto depositato da Apple sulla geolocalizzazione Nella risposta che Apple ha fornito sui dati di geolocalizzazione dell’iPhone si parlava di una cache di dati che copriva un anno di spostamenti del dispositivo. Apple ha ritenuto opportuno specificare che, secondo lei, tale quantità di dati è inutile e che il registro delle celle e hotspot Wi-Fi attraversati in una sola settimana è ampiamente sufficiente per i servizi di localizzazione dell’iPhone o dell’iPad. In particolare, questo lungo registro di spostamenti è stato definito un bug dalla compagnia di Cupertino.

Un articolo su Gawker fa invece notare che questa funzione era probabilmente voluta da Apple, dato che era stato depositato un brevetto in merito già nel 2009. Il brevetto 12/553,554, pubblicato nel marzo scorso, riguarda un’app per una “Cronologia di localizzazioni per dispositivi capaci di localizzarsi”. In questa app sono usati i dati ritenuti sensibili nelle discussioni degli ultimi giorni per fornire servizi legati alla traccia degli spostamenti dell’utente.

La sensibilità dei dati fa ovviamente temere un uso malevolo delle posizioni dell’utente, ma le intenzioni di Apple sembrano essere diverse, almeno all’atto di registrare il brevetto. L’ingegnere di Apple Ronald Huang chiarisce che “le altre informazioni e la cronologia delle coordinate geografiche potrebbero entrare a far parte di un ‘Diario’, consultabile poi in un secondo momento”.

La registrazione delle localizzazioni dell’iPhone non è un bug, ma nemmeno sembra essere un dispositivo pensato per spiare l’utente. La cache degli spostamenti del dispositivo è stata pensata per creare applicazioni legate alla geolocalizzazione, come un diario di spostamenti o per taggare con coordinate geografiche su una mappa le fotografie. Tutti questi dati, poi salvabili sul computer con iTunes, potrebbero essere indicizzati per venire consultati o per effettuare ricerche. Nel migliore dei mondi possibili la difesa della privacy non sarebbe così importante e lo scrittore Steven Johnson avrebbe molti più seguaci quando dice: “VOGLIO che il mio telefono ricordi tutti i posti nei quali sono stato. Più utilità che rischio IMHO.”

Vota l'articolo:
3.38 su 5.00 basato su 16 voti.  
 
Aggiorna
  • nickname Commento 1 su Apple aveva registrato un brevetto per un "e;diario di spostamenti"e; nel 2009

    by:

    3 giorni di ritardo per scrivere questo artico, quando ora la notizia è anche questa: <a href='http://www.setteb.it/steve-jobs-ribadisce-al-telefono-non-tracciamo-nessuno-11004' rel='nofollow'>http://www.setteb.it/steve-jobs-ribadisce-al-telefono-non-tracciamo-nessuno-11004</a> ricapitolando i fatti: prima Apple viene sgamata, poi il suo CEO nega tutto in una mail, poi salta fuori il brevetto che gli fa fare una figura da pero, quindi cambia versione e afferma che "non hanno fatto un buon lavoro nell'educare la gente", della serie: vogliono insegnarci anche come lasciarci spiare negli affari nostri? Scritto il

  • nickname Commento 2 su Apple aveva registrato un brevetto per un "e;diario di spostamenti"e; nel 2009

    by:

    ciao GTR43, lo scambio di <a href="http://www.melablog.it/post/13926/steve-jobs-noi-non-tracciamo-nessuno" rel="nofollow">mail con Steve Jobs</a> è stato anche discusso su Melablog. Credo che la questione, non affrontata con chiarezza da nessuno, è che Apple vuole usare i dati di geolocalizzazione per fornire servizi ed app però lo ha mantenuto nascosto perché riteneva che il pubblico non fosse pronto (o disposto) a lasciar usare i propri dati da terzi. Da qui il discorso, un po' paternalista, sull'<i>educazione</i>. Come dici tu, Apple aveva intenzione di "usare" gli utenti, ma non per spiare le singole persone. Qualcosa di molto simile <a href="http://www.mobileblog.it/post/15214/navteq-le-previsioni-del-traffico-nei-navigatori-gps-e-il-location-based-advertising" rel="nofollow">esiste per i navigatori GPS</a> (Navteq, Tom tom): la posizione e la velocità di tutti gli utenti è trasmessa alla centrale per elaborare dati statistici sul traffico, che vengono poi inviati ai navigatori. Scritto il

  • nickname Commento 3 su Apple aveva registrato un brevetto per un "e;diario di spostamenti"e; nel 2009

    by:

    @ruthven sì ma la notizia del brevetto è stata già trattata da molti altri siti il 26 aprile…oggi siamo il 29! Ad ogni modo, sono curioso di sapere come testimonierà Apple al Congresso, anche se non ho ben capito quando questo avverrà!… Scritto il

  • nickname Commento 4 su Apple aveva registrato un brevetto per un "e;diario di spostamenti"e; nel 2009

    by:

    @GTR43 Il WWDC 2011 si terrà dal 6 al 10 giugno 2011; probabilmente con un mese di tempo a disposizione, Apple cercherà di chiarire ulteriormente la sua posizione. Nel frattempo mi aspetto altre botte e risposte fra Cupertino e gli utenti :) Sulla notizia non posso darti torto: l'ho letta solo ieri ed ho preferito inserirla comunque, ma dopo il post sulle <a href="http://www.melablog.it/post/13948/apple-risponde-sul-tracciamento-della-posizione-degli-iphone" rel="nofollow">Domande e Risposte</a> pubblicate da Apple, per aggiungere su Melablog un punto di vista diverso. Scritto il

  • nickname Commento 5 su Apple aveva registrato un brevetto per un "e;diario di spostamenti"e; nel 2009

    by:

    ruthven Lascia perdere questo troll mendace che ha il nick di GTR43 ma che potrebbe benissimo essere il cinquantenne ossessionato da Jobs (al cui blog non linko nemmeno perché farei perdere attimi di vita alle persone che andassare a leggersi quelle fandonie). GTR43 linka a 7bit per il semplice motivo che se linkasse a quell'altro blog farebbe venire a galla tutto. Ma può anche essere non sia chi dico, in ogni caso va tenuto d'occhio. Siccome comunque ha scritto cose false, vediamo di sbugiardarlo in pochi punti. 1) <i>3 giorni di ritardo per scrivere questo artico</i> Capisco che 7bit non permetta i commenti (per evidenti ragioni) ma allora ragionando in questo modo anche 7bit l'ha data in ritardo visto che il brevetto era pubblico già da tempo e visto che patently apple l'ha pubblicato per primo (e a cui 7bit non mi pare rimandi, ma sarà stata una svista, ne sono sicuro). Scritto il

  • nickname Commento 6 su Apple aveva registrato un brevetto per un "e;diario di spostamenti"e; nel 2009

    by:

    2) <i>prima Apple viene sgamata</i> FALSO. La questione era nota da mesi. I ricercatori in questione NON hanno fatto ALCUNA scoperta, la cosa era già nota e da mesi. Dunque GTR43, anche tu sei arrivato tardi, quindi fossi in te me ne starei in silenzio. 3) <i>poi il suo CEO nega tutto in una mail</i> Certo, e dove starebbe lo scandalo? ha detto che Apple non traccia nessuno e cioè che ad essa non viene inviato nulla di quei dati. E questo come si sa è totalmente vero. Vuoi dimostrare il contrario? Fallo. Ma ad ora quello che si sa e lo si sa per certo è che Apple non traccia nessuno. Quindi la mail di Jobs era e rimane VERA. 4) <i>poi salta fuori il brevetto che gli fa fare una figura da pero</i> Il brevetto era stato pubblicato molto tempo prima. Non è "saltato fuori" successivamente come tu, mendace, vorresti far credere. Inoltre il brevetto non riguarda da vicino questa faccenda ma si occupa di altre questioni, sempre legate alla localizzazione certo, ma che con questa vicenda c'entrano come i cavoli a merenda. 5) <i>quindi cambia versione e afferma che “non hanno fatto un buon lavoro nell’educare la gente”</i> Non ha cambiato versione. Anzi. Ha ripetuto papale papale la frase della mail, eccezion fatta che quella su Google. Nel comunicato quindi NON HA cambiato versione ma HA AGGIUNTO dei particolari, e la questione sull'educare non è posta nei modi in cui la poni tu. Tu ci marci sopra, perché ti fa comodo, e lo capisco dato che se veramente Apple tracciasse gli utenti grazie a quel file ti concentreresti su quello. Ma non lo fai, dato che non puoi dimostrare che quello detto da Apple (non tracciamo nessuno) sia falso. 6) <i>la notizia del brevetto è stata già trattata da molti altri siti il 26 aprile</i> Tra cui il sito del 50enne ossessionato da Jobs. 7) <i>Ad ogni modo, sono curioso di sapere come testimonierà Apple al Congresso, anche se non ho ben capito quando questo avverrà</i> Non c'è alcuna testimonianza da fare, c'è solo una richiesta di chiarimenti e è stato chiesto sia ad Apple sia, nella stessa identica misura, a Google (che però tu eviti di pronunciare proprio perché a te quello che interessa è dileggiare Apple, non ricercare la verità). Scritto il

  • nickname Commento 7 su Apple aveva registrato un brevetto per un "e;diario di spostamenti"e; nel 2009

    by:

    @rogerdodger premetto che mi sono fermato alle prime due righe del tuo commento 5: al di là del fatto che con l'autore dell'articolo ruthven mi complimento perchè mi ha fatto il piacere di rispondere alla mia domanda ed ha ammesso la legittimità della mia critica, ma tu…chi cavolo sei per darmi presunte identità che non sono vere? Stimo moltissimo il blog di MacRaiser e lo seguo da un paio d'anni, basta questo per definirmi "troll mendace"? Nemmeno mi conosci! Scritto il

  • nickname Commento 8 su Apple aveva registrato un brevetto per un "e;diario di spostamenti"e; nel 2009

    by:

    Ho usato il condizionale infatti. Mendace proprio per quello che hai scritto. Basta che leggi un po' di più delle prime righe. Sono andato nel merito. Se tu non sei in grado di rispondere punto su punto è perché evidentemente sai che sarebbe difficile controbattere. E allora scappi con la scusa "mi sono fermato alla riga 5 perché mi dai del mendace". Liberissimo di usare questa scusa, e liberi tutti di farsi un'opinione su quanto da te scritto e da me riportato. Io amo andare nel merito delle cose. Se poi uno scrive cose false io gli dico che ha scritto cose false. Scritto il

  • nickname Commento 9 su Apple aveva registrato un brevetto per un "e;diario di spostamenti"e; nel 2009

    by:

    p.s. non ho mai citato MacRaiser, il quale non è la persona cui mi riferisco ma sì, è certamente un altro di quelli che scrivono cose palesemente false. Basti questa sua frase che vedo ora nel suo ultimo post: <i>per quale ragione sulla faccia della terra uno dovrebbe correggere un bug che non esiste?</i> Apple non ha detto non esista un problema. Ha detto che ESISTE ed è il bug che fa sì vengano memorizzati tutti i dati senza che vengano cancellati i dati meno recenti (come fa Android). Ma Apple non traccia gli utenti. Quindi il problema esiste ma NON è quello che si è detto (Apple traccia gli utenti), e quindi sarà necessario l'aggiornamento per un problema che esiste ma non è quello che sarebbe piaciuto a MacRaiser. Ecco: di fronte a queste menzogne tu non gli dici nulla. Ma sai perché? perchè su quel blog se non ti allinei al pensiero unico vieni incenerito, zittito, censurato. Se gli chiedessi spiegazioni alla sua mail ti direbbe che è stato insultato: falso. Non l'ho mai insultato e sono stato sempre civilissimo. Ho gli screenshot. Se vuoi scrivimi sulla mail che trovi al mio account twitter "rogerdodgerTM" e te li fornisco. Sulla pagina Facebook idem. Una volta ho messo commenti assolutamente civili, indicando dei link. Il problema di quei link era che smentivano completamente macraiser. Quindi cosa ha fatto? Ha bloccato il mio account e ha CENSURATO i messaggi. Sei d'accordo su questo modo di agire? Il suo blog e tutto ciò che gravita intorno a macraiser è più chiuso e lucchettato di qualsiasi altra cosa al mondo. Protesta contro la chiusura di Apple ma poi lui è dieci passi avanti in fatto di chiusura, censura e negazione della libertà di opinione ed espressione. Liberissimo di censurare ciò che vuole ma non venga poi a farci i predicozzi sulla libertà di parola e di opinione o sui tiranni che lucchettano e controllano. Spero tu sia un po' più aperto e che tolleri un po' di più l'opinione altrui, altrimenti potrei pensare che l'indottrinamento lo sta portando avanti qualcun altro, e non si chiama Steve Jobs. Scritto il

  • nickname Commento 10 su Apple aveva registrato un brevetto per un "e;diario di spostamenti"e; nel 2009

    by:

    @rogerdodger sei libero di scrivere quello che vuoi, ma la tua libertà finisce nel momento in cui inizia quella degli altri. L'educazione è alla base di ogni conversazione e la tua, almeno nell'ambito di questo discorso, sembra essere andata in vacanza! Non voglio controbattere, tieniti le tue ragioni! Per me questo discorso è finito con il commento 4 di ruthven! Adios! P.S. ah non tenermi troppo d'occhio, avrai sicuramente di meglio da fare suppongo ;) Scritto il

  • nickname Commento 11 su Apple aveva registrato un brevetto per un "e;diario di spostamenti"e; nel 2009

    by:

    ma quante seghe.. è una funzione utile, anzi, ci vorrebbe un app in grado di visualizzare tutti gli spostamenti nel tempo! Scritto il

  • nickname Commento 12 su Apple aveva registrato un brevetto per un "e;diario di spostamenti"e; nel 2009

    by:

    GTR43 <i>sei libero di scrivere quello che vuoi, ma la tua libertà finisce nel momento in cui inizia quella degli altri. </i> Per MacRaiser vale? Sul resto prendo atto che non rispondi. Difficile rispondere a delle cose oggettive. Adios. Scritto il

  • nickname Commento 13 su Apple aveva registrato un brevetto per un "e;diario di spostamenti"e; nel 2009

    by:

    Gtr e roger, beati voi... Scritto il

  • nickname Commento 14 su Apple aveva registrato un brevetto per un "e;diario di spostamenti"e; nel 2009

    by:

    GTR43 ma chi sei cazzelan redivivo? Scritto il

  • nickname Commento 15 su Apple aveva registrato un brevetto per un "e;diario di spostamenti"e; nel 2009

    by:

    ma il problema non è che apple scriva su un file le posizioni. ovviamente se è un bug è un conto…se voleva usare quei dati…bastava mettere un bel pulsantone all'avvio dell'iphone: questo iphone ti traccerà e userà i tuoi dati in modo anonimo…ti interessa?…tutto qui… Scritto il