Accadeva ieri: giugno 2005, quando il Mac passò a Intel

Molti WWDC fa, Apple annunciava al mondo un cambiamento epocale: il Mac avrebbe abbandonato i processori PowerPC per abbracciare Intel. E mai scelta fu più azzeccata.

Nella storia del Mac ci sono state 3 grosse transizioni. In ordine cronologico, le danze sono state aperte dal passaggio dai processori Motorola 68000 ai PowerPC, cui ha fatto seguito quello ancora più importante da OS 9 a OS X. Poi, nel 2005, i rumors si condensarono in un annuncio storico che cambiò per sempre il mondo della tecnologia: sul palco del Moscone Center, la bellezza di 9 anni fa, Steve Jobs in persona si scusava per non essere riuscito a presentare un Mac Pro da 3.0 GHz o un PowerBook G5; ed è proprio per questa ragione che svelò invece il supporto alle CPU Intel.

I più giovani forse minimizzeranno, ma la cosa generò una grossa eco nel mondo dell'informatica; chi scrive ricorda con precisione il sentimento diffuso di delusione che serpeggiava (d'improvviso, l'utenza Mac era un po' meno anticonformista), e il nervosismo degli sviluppatori (per non parlare degli azionisti). E non è un caso che Jobs ripetesse come un mantra che era solo un cambio di prospettiva, e che c'erano "ottimi prodotti PowerPC in uscita." Fino all'anno prima, il PowerPC rappresentava il futuro; a distanza di pochi mesi mesi, era già dato per spacciato.

Leggi su Melablog nel 2005: È ufficiale, Apple passa ai processori Intel

D'altro canto, la roadmap portata avanti da IBM era incerta e molto modesta; Intel, invece, prometteva già al tempo prestazioni pari a 70 "unità di performance" (sic) contro le 15 del concorrente. In pratica, non c'era battaglia. Ecco perché Jobs fu costretto suo malgrado a dare inizio a questa terza pietra miliare, proclamando l'arrivo dei primi Mac Intel di lì a un anno, e la chiusura della transizione entro due o poco più. Tabella di marcia che, col senno di poi, è stata rispettata senza troppi intoppi.

intel-apple-2006

Già, perché lo scoglio principale non era tanto quello dell'hardware: il vero macigno da rimuovere consisteva nel porting di OS X su Intel. Come diceva Jobs, però, OS X aveva "condotto una doppia vita segreta" e già allora ogni app di sistema era stata strutturata e sviluppata per funzionare su entrambe le piattaforme. E non parliamo di una Beta: OS X su Intel godeva anche di un notevole grado di stabilità.

Il resto è storia. Per alcuni anni si parlò molto delle potenzialità (e delle prestazioni) della virtualizzazione di Windows, contro l'emulazione, e ben presto anche questo passaggio fu dimenticato e assorbito dalla quotidianità. Fino al giorno in cui i Mac faranno un altro salto, e stavolta probabilmente verso ARM.

Leggi: In arrivo un MacBook da 12 pollici più sottile degli Air con CPU ARM

Una curiosità. Pochi giorni dopo il WWDC 2005, emerse che Apple aveva registrato alcuni marchi, tra cui Mactel, Jam Box e Numbers. Per i primi due, per fortuna, non se ne fece nulla; l'ultimo, invece, divenne la famosa app di fogli di calcolo presente in iWork.

  • shares
  • Mail