Nuova Apple TV svelata dalle carte della fusione Time Warner - Comcast

I rumors sulla nuova Apple TV in progettazione a Cupertino tornano a rinfocolarsi. Stavolta, l'indiscrezione proviene dalle carte ufficiali della fusione tra Time Warner e Comcast.

Ad oggi, Apple TV non viene aggiornata da ben 763 giorni, e questo segna in assoluto il periodo più lungo privo di novità di rilievo per questo prodotto. Ecco perché le indiscrezioni sul lancio imminente di un nuovo set-top box più ricco di funzionalità e contenuti appaiono incredibilmente verosimili, soprattutto se consideriamo quant'è diventato competitivo il settore ora che Amazon ha puntano la sua fiche, e Google si appresta a sferrare il contrattacco. Insomma Apple, e lo dicono pure gli analisti, ha urgente bisogno di ricordare che esiste nel campo dello streaming video, e l'unico modo che ha è lanciando qualcosa di veramente grandioso.

Steve Jobs parlava addirittura di "bacchetta magica" e i concept che abbiamo visto in questi giorni hanno di sicuro ispirato i sogni e il portafoglio degli utenti, ma esistono prove inconfutabili che qualcosa bolla nelle marmitte di Cupertino.

È da almeno un anno per esempio che si vocifera di nuovo hardware, del supporto ad App Store (o per meglio dire, ad un "Game Store"), e tra le pieghe del codice di iOS 7 sono stati scovati pure inequivocabili riferimenti a misteriosi nuovi modelli in arrivo. Oggi, però, il mosaico acquisisce una nuova tessera grazie alle carte depositate presso la FCC da Comcast e Time Warner Cable per la fusione societaria in corso, in cui è riportato (il grassetto è nostro):

I tablet Apple costituiscono delle piattaforme di visione dei servizi via cavo anche se Apple offre un servizio di video online, Apple TV, ed esplora lo sviluppo di un nuovo set-top box Apple. Microsoft ha appena annunciato che lancerà le pubblicità su Xbox One, creando una nuova piattaforma di pubblicità video. E solo una settimana fa, Amazon ha annunciato il suo set-top box sebbene continui a usare a proprio vantaggio la sua imbattibile piattaforma di vendita e la famiglia di tablet competitivi per promuovere il suo crescente business legato a Prime Instant Video.

E considerate che rispetto all'anno scorso, in cui allignava praticamente dietro a tutti, nel 2014 Amazon ha stracciato Hulu e Apple con un incredibile +278% di traffico streaming fornito agli utenti statunitensi. Apple, insomma, non ha scelte: deve darsi una mossa e al più presto.

Certo, è possibile che Time Warner e Comcast stiano semplicemente riassumendo lo storico dei rumors che abbiamo visto sin qui, ma non dimenticate che Apple è da tempo in trattative riservate e strettissime con queste due società, e proprio per il lancio di un'ipotetica nuova Apple TV. Insomma, se lo dicono loro, ci sarà pur da fidarsi, no?

    Non dimenticate di scaricare la Blogo App, per essere sempre aggiornati sui nostri contenuti. E’ disponibile su App Store e su Google Play ed è gratuita.
  • shares
  • Mail