Amazon fireTV rende subito necessaria una nuova Apple TV

Gli analisti non hanno dubbi. Amazon FireTV rende necessario il lancio di un'Apple TV aggiornata. Subito, perché Apple è già in ritardo.

Amazon fireTV fa grossomodo quello che ci si aspettava da Apple TV, o per meglio dire, dal nuovo modello che i rumors anticipano da tempo ma che non arriva mai. Oramai, scrive Gene Munster di Piper Jaffray, è tempo che Cupertino trasformi l'hobby in un prodotto di spessore.

Il confronto tra le due piattaforme è impietoso, e rivela il ritardo di Apple in questo settore. Sono anni che si parla dell'App Store su Apple TV, ma il set-top box di Amazon ha introdotto in un sol colpo giochi, applicazioni e molti più contenuti. Allo stato attuale, nel mercato statunitense il player incontrastato del settore resta Roku, con oltre 1.300 partner sui contenuti, seguita a distanza siderale da Amazon con 41, e Apple con appena 31.

D'altro canto, fireTV può già vantare un catalogo di oltre 133 titoli disponibili, contro i 77 di Roku e il nulla assoluto di Apple TV. E poi, c'è pure il controllo vocale, che a onor del vero non sembra funzionare sempre benissimo, ma intanto c'è, mentre Siri -secondo le stime dell'analista- non arriverà prima della seconda metà dell'anno in corso.

E Munster torna a insistere pure su iTV, la Smart TV di Apple con chip A7, Siri, FaceTime e tutto il resto; a suo dire, il lancio è "probabile" entro la fine del 2014, ma ha aggiunto pure che "ogni mese che passa senza un feedback credibile dalla catena delle forniture fanno vacillare le nostre sicurezza." Un calo di fiducia lampante, nell'industria, e sempre più voci concordano sul fatto che non arriverà mai, o comunque non prima del 2015. Se poi consideriamo che il mercato delle HDTV si è contratto del 10% in un anno, non sorprende che Steve Jobs lo abbia definito un "business terribile."

Attualmente, Apple TV gode sicuramente di un certo successo sul mercato, e nonostante non venga aggiornata da 2 anni, può vantare un +30% di vendite negli ultimi 12 mesi. A questo punto, però, gli utenti inizieranno a domandarsi se non sia preferibile optare per un numero maggiore di contenuti a parità di prezzo, con Amazon, oppure se risparmiare sul budget con il Chromecast di Google. Una cosa è certa: la risposta di Cupertino dovrà arrivare il più presto possibile.

    Non dimenticate di scaricare la Blogo App, per essere sempre aggiornati sui nostri contenuti. E’ disponibile su App Store e su Google Play ed è gratuita.
  • shares
  • Mail