iOS 7.1, niente Hotspot Personale coi carrier non ufficiali

Brutte notizie per gli utenti italiani su rete Wind. Con iOS 7.1 non si può più utilizzare a piacimento l'Hotspot Personal senza cambiare gestore.

ios7-apn-personal-hotspot

Il rilascio di iOS 7.1 ha portato tanti benefìci agli utenti, piccole e gradite novità ma anche qualche grattacapo non di poco conto. Nelle ultime settimane, abbiamo ricevuto diverse segnalazioni relativo ad un nuovo problema riguardante la funzionalità di Hotspot Personale, e così abbiamo deciso di indagare un po'. Quel che abbiamo scoperto, tuttavia, non vi piacerà.

Tempo addietro, un lettore -uno dei tanti affetti dal malfunzionamento- ci ha scritto:

Salve, potete contattare Apple e sentirli sulla funzione hotspot con iOS 7.1?
Dopo questo aggiornamento l'hotspot non funziona più perché non lascia inserire il corretto APN.
Grazie
Leo

Il problema, insomma, è che sebbene sia possibile inserire le informazioni di APN nel menu dei Dati Cellulari del dispositivo iOS, poi non si può salvarle in modo definitivo; e ogni volta che si tenta di condividere la connessione, si riceve un messaggio di errore. Dopo un rapido scambio di mail, abbiamo scoperto che Leo -e tutti gli altri lettori nella sua condizione- possiede un iPad di quarta generazione con scheda Wind, ed è lì il nocciolo della questione.

Nel thread dedicato alla cosa sui forum di supporto Apple, utenti da tutto il mondo -Germania, India, Austria, Spagna, Serbia, Thailandia, Estonia, Ungheria, Belgio, Italia, Brasile e molti altri- testimoniano il medesimo fenomeno su tutti gli iPhone, iPad e iPod touch aggiornati ad iOS 7.1: niente tethering coi gestori non ufficiali.

Da principio si ipotizzava fosse un difetto software, ma ormai il fattore casuale è escluso definitivamente; primo, perché in diverse occasioni il customer care di Cupertino ha ridotto il tutto alla mancanza di autorizzazione da parte del carrier. Secondo, perché il problema ce l'hanno solo i clienti su gestori non ufficiali. Terzo, perché basta sostituire la SIM Wind con una di Tre, Tim o Vodafone, e tutto torna magicamente a funzionare.

In altre parole è una (spiacevole) policy della mela, evidentemente messa in campo per favorire i gestori che hanno stretto accordi specifici. Vi diciamo subito che non ci convince; dopotutto in Italia acquistiamo -e paghiamo profumatamente- un dispositivo nominalmente libero, ma che tale non è fino in fondo. Chissà che prima o poi a qualche utente non saltino i nervi e la cosa non venga affrontata nelle giuste sedi. AppleInsider parla delle "solite frizioni con gli utenti per il tethering non autorizzato" ma a nostro modo di vedere è una visione viziata: la condivisione della connessione è un'opzione prevista dai piani dei carrier, talvolta a pagamento, talvolta no, e se gli utenti Wind hanno da contratto il diritto di avvalersene, allora è improprio parlare di "tethering non autorizzato." È l'iPhone semmai che non sta facendo il suo dovere.

In ogni caso, non c'è nulla che si possa fare al momento, se non sperare nel solito, vecchio rimedio della nonna: il jailbreak. Purtroppo, però, al momento rappresenta ancora un miraggio. Se siete su rete Wind, insomma, e non avete ancora aggiornato, ecco un buon motivo per attendere tempi migliori.


    Non dimenticate di scaricare la Blogo App, per essere sempre aggiornati sui nostri contenuti. E’ disponibile su App Store e su Google Play ed è gratuita.
  • shares
  • Mail
14 commenti Aggiorna
Ordina: