iTV, Steve Jobs fu categorico: "Apple non rilascerà mai una tv"

Un nuovo libro su Apple e Steve Jobs rivela che in realtà l'iCEO non ha mai parlato di rilasciare una tv con la mela; anzi, era assolutamente contrario e per una ragione ben precisa.

Nell'ultimo libro di Yukari Kane in uscita domani nei mercati anglofoni, Haunted Empire: Apple After Steve Jobs, si legge che Apple non ha la minima intenzione di rilasciare una tv. A rivelarlo sarebbe stato lo stesso Steve Jobs prima di morire, durante un meeting particolare che Cupertino organizza con cadenza regolare.

Ogni anno, Apple tiene un evento chiamato "Top 100" che raccoglie i 100 migliori dirigenti, manager e impiegati e li porta in località segrete dove vengono discussi i piani della mela, spesso con indicazioni sui prodotti futuri in cantiere. Per ovvie ragioni, le misure di sicurezza sono sempre imponenti, e a nessuno degli invitati è permesso di contattare il mondo esterno, inviare tweet o scrivere ad altri, neppure agli altri dipendenti.

È stato in questo contesto che l'allora iCEO si sbottonò sull'eventualità di una iTV con FaceTimes, Siri e tutto il resto, e per una ragione molto precisa:

Yukari dice "Jobs non ha esitato." Ha proprio detto "No."

"La TV è un business terribile. Non sono versatili e i margini fanno schifo," ha affermato Jobs. (A differenza degli iPhone che sono incredibilmente profittevoli e rimpiazzati ogni due anni, una TV viene sostituita ogni 8, e questo la rende un pessimo investimento.)

Il che non significa che i piani di espansione di Cupertino nel nostro salotto siano saltati, ma solo che l'arma con cui lo conquisteranno resta Apple TV, il set-top box destinato a restare un hobby fintanto che Apple "non metterà le mani sui contenuti che le servono."

appletv

Il problema è che non sappiamo quanto Jobs fosse sincero, ed è un una questione molto meno ovvia di quanto non sembrerebbe in apparenza. Sentite cosa diceva l'iCEO nel lontano 2003:

Nel 2003 disse che Apple non avrebbe prodotto un telefono perché non ne aveva le competenze. Molti chiedevano ad Apple di produrre un PDA per accedere ai dati in mobilità, ma secondo Jobs i telefoni cellulari erano più adatti a svolgere questi compiti.

E questa non è neppure la sparata più grossa, tant'è che nel 2010 siamo riusciti a mettere su un'intera raccolta di mezze verità di Jobs. È una lettura molto interessante, se per caso vi va di approfondire, che aiuta a comprendere per quali motivi tutto sommato non ce la sentiamo di accantonare di punto bianco tutti gli ultimi anni di rumors.


    Non dimenticate di scaricare la Blogo App, per essere sempre aggiornati sui nostri contenuti. E’ disponibile su App Store e su Google Play ed è gratuita.
  • shares
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina: