iMessage e FaceTime, miliardi di messaggi e 20 milioni di chiamate ogni giorno

Durante la conferenza dedicata agli investitori, Apple ha svelato qualche dato sul traffico che gira attorno ad iMessage e FaceTime. Ed è gigantesco.

Sembrano passati secoli dal lancio di FaceTime su iPhone 4 e dalla pubblicazione del primo spot a riguardo, quello famoso sulle note di “When You’re Smiling” di Louis Armstrong e girato da Sam Mendes, il regista di “American Beuty.” Al tempo, ci meravigliamo della facilità con cui si poteva iniziare la videochiamata, senza software particolari o iscrizioni specifiche, e soprattutto con una qualità complessiva e un'eleganza che catturarono subito l'immaginario collettivo. Ora, a distanza di quasi 4 anni, Apple ci dà qualche numero per renderci conto del successo di questa e altre tecnologie nate in seno ad iOS.

Durante l'assemblea con gli azionisti dell'altro giorno, Tim Cook in persona ha parlato rivelato che ogni giorno Apple gestisce "diversi miliardi" di iMessage e oltre 40 miliardi di Notifiche Push, e tra i 15 e i 20 milioni di chiamate FaceTime.

Numeri che da soli fanno spavento, soprattutto se li ricollegate a quelli diffusi soltanto l'estate scorsa. A luglio 2013, la mela si vantava di aver raggiunto 320 milioni di account iCloud attivi, 900 miliardi di iMessage inviati complessivamente (circa 2 miliardi al giorno), e 8.000 miliardi di Notifiche Push consegnate; ora basta confrontare i dati con quelli attuali giornalieri, per rendersi conto del salto conseguito.

imessagge-apple

Oramai, iMessage e FaceTime fanno parte dei servizi di Apple, del suo "DNA innovativo" e soprattutto della vita delle persone comuni, né più né meno che Skype, Whatsapp e il resto dell'arsenale di comunicazione dei giorni nostri. E ora che sono presenti su tutti i dispositivi e computer Apple, la popolarità di questi servizi è stabile e destinata a durare nel tempo.

  • shares
  • Mail