Classifica EPA delle società più verdi, Apple si ferma in quarta posizione

Nella classifica EPA delle società più rispettose dell'ambiente, Apple si è assestata in quarta posizione.

L'EPA, Environmental Protection Agency statunitense, ha stilato una classifica relativa all'uso delle fonti rinnovabili di energia da parte delle principali 30 società high-tech e di telecomunicazioni degli Stati Uniti. E curiosamente, nonostante il grande impegno profuso sotto questo punto di vista, Apple non ricade tra le prime tre posizioni: slitta invece alla quarta battuta dai nemici storici.

Lo studio in questione, disponibile a questa pagina Web, rivela che tutte le principali società high-tech del paese stanno dando un notevole contributo al problema:

La lista Top 30 Tech & Telecom rappresenta gli utilizzatori più grandi di energia pulita tra i partner della Green Power Partnership operanti nel mondo della tecnologia e delle telecomunicazioni. L'uso congiunto dell'energia pulita di queste società ammonta a più di 8,1 miliardi di kilowatt/ora annuali, che equivale ad abbattere i consumi annuali di diossido di carbonio necessari per alimentare le case di quasi 790.000 americani medi.

Stando a quel che si legge, al primo posto troviamo Intel col 100% di energia pulita, un risultato importante raggiunto grazie a biogas, biomasse, solare, eolico e piccolo idroelettrico. Segue Microsoft con l'80% di energia pulita e Google con appena il 32% di consumi verdi sul totale. Non è moltissimo, ma c'è da considerare che in termini assoluti se ne approvvigiona comunque più di Apple: parliamo di 737.364.727 kWh per Mountain View contro i 537.393.667 kWh di Cupertino, che però costituiscono l'85% di tutti i consumi. In altre parole, se la classifica fosse stilata sul rapporto tra consumi verdi rispetto ai consumi totali, Apple allignerebbe al secondo posto seguita da Intel. Samsung, infine, resta bloccata a distanza siderale: è al quattordicesimo posto con una percentuale di appena il 6% sul totale.

  • shares
  • Mail