Apple “1984”, il trentesimo anniversario dello spot che presentava Macintosh

Quest’oggi arriva al suo trentesimo compleanno uno dei più significativi spot pubblicitari di Apple. Il filmato, un’opera costosa, esemplifica alla perfezione la visione della società di Cupertino al momento del lancio del Mac nel 1984.



Il 22 gennaio 2014 cade il trentesimo anniversario di una delle produzioni più importanti di Apple, lo spot pubblicitario che segnava l’arrivo, nel 1984, del prodotto di svolta della società statunitense con base nella Silicon Valley, oggi uno dei più grandi ed influenti produttori di tecnologia. Sembrerebbe strano rimembrare una simile ricorrenza ma la pubblicità, ideata da Brent Thomas, volta a presentare il primo Macintosh, offre un’immagine significativa e chiara di quali fossero la visione di Apple ed i contenuti del suo nuovo prodotto.

Lo spot si apre con la marcia di una folla anonima in un ambiente grigio e spento e, assieme, la corsa di un’eroina dalla maglietta bianca che riporta un disegno stilizzato del Mac. Le immagini scorrono accompagnate dal video-discorso propagandistico di una figura dittatoriale e terminano con la distruzione finale di questo veicolo “educativo”.

Oggi celebriamo il primo glorioso anniversario delle Direttive per la Purificazione dell’Informazione. Abbiamo creato per la prima volta nella storia un giardino di pura ideologia, dove ciascun lavoratore può sbocciare al sicuro dall’infestazione di qualsiasi pensiero contradditorio. La nostra Unificazione dei Pensieri è un’arma più potente di qualsiasi flotta o armata sulla terra. Noi siamo un solo popolo, una sola volontà, un’unica determinazione, una sola causa. I nostri nemici parleranno fino a morirne e noi li seppelliremo con la loro stessa confusione. Noi prevarremo!

Al momento della distruzione dello schermo compare un simbolo Apple colorato seguito dallo slogan:

Il 24 gennaio Apple Computer introdurrà Macintosh. E vedrete perché il 1984 non sarà come “1984”.

Lo spot è stato diretto da Ridley Scott con un gigantesco budget di 900.000$, riprodotto una sola volta durante il Super Bowl e poi premiato come migliore del secolo. È immediato e palese il riferimento all’opera di Orwell ed Apple si propone di scongiurare l’utopia negativa del Grande Fratello portando un pc in ogni casa.

Da allora Apple ha continuato ad innovare, basti pensare ad iPhone, iPad e iPod solo per citare alcuni prodotti, ed ormai la diffusione del marchio è enorme. Forse tanto grande da domandarsi se le parti non siano invertite e se il modello di riferimento presentato da questo spot sia sempre lo stesso.

  • shares
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina: