iPad indietro ad Android, mentre il mercato dei tablet fagocita i PC

Mentre il mercato dei tablet fagocita quello dei PC, iPad continua a perdere terreno in favore di Android. Oramai, il primato è sfumato.

canalys2014

A mano a mano che sul mercato su sono affacciati dispositivi più piccoli, leggeri e potenti, gli utenti hanno iniziato ad abbandonare i PC tradizionali, ed è lì che è iniziato il declino delle consegne di PC Desktop e laptop. E così nel 2014, stima Canalys, i tablet costituiranno addirittura la metà di tutti i PC consegnati.

Tra notebook, Desktop e tablet, questi ultimi sono destinati ad accaparrarsi non meno del 50% di tutta la produzione mondiale di PC. E di questa, il 30% sarà costituita da iPad, e il 65% da Android; a Microsoft va il restante 5%. E se le consegne dei tablet raggiungeranno i 285 milioni di unità nel 2014, entro il 2017 le proiezioni parlano di 396 milioni di unità.

Ciò implica che Apple perderà parecchie delle sue quote di mercato, a fronte di profitti comunque invidiabili per tutto il 2014. Nel 2013 è riuscita a resistere grazie alla combo magica costituita da Mac fissi, portatili e dagli iPad:

Il declino di Apple nel market share dei PC è inevitabile quando consideriamo il suo modello di business. Samsung ha strappato per un pelo il primato nell'area EMEA di questo trimestre, ma in futuro Apple perderà la sua posizione rispetto ai competitor in ulteriori mercati," ha affermato Tim Coulling, analista senior di Canalys. "Tuttavia, Apple è una delle poche società a fare soldi dal boom dei tablet. I prodotti Premium attraggono clienti di alto valore; per Apple, la profittabilità nell'interezza del proprio ecosistema è più importante delle statistiche sul market share."

Il trend era già ravvisabile a gennaio di quest'anno, quando ha iniziato ad essere evidente che iPad perde terreno a livello globale a causa della concorrenza sempre più serrata. Poi, ad agosto, è avvenuto il sorpasso vero e proprio, e oramai è chiaro che gli equilibri sono destinati a cambiare radicalmente nel corso dell'anno che verrà.

  • shares
  • Mail